Morto all’Inrca, lesioni sospette al polmone: ora indaga la Procura

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 18 ottobre 2015 – Lesioni misteriose al polmone dopo il ricovero in una casa di riposo, la Procura apre un’inchiesta sulla morte di Giovanni Andreassi. L’uomo, un 89enne originario di Ussita, è morto giovedì all’Inrca, dove era arrivato in gravissime condizioni da una struttura di lungodegenza di Ancona. Quando era stato trasferito al pronto soccorso dell’Istituto di ricerca di via della Montagnola aveva grosse difficoltà respiratorie e, nonostante l’intervento dei medici dell’ospedale geriatrico, era morto poco dopo.

Come da prassi, l’Inrca ha aperto un’indagine interna e ha disposto l’autopsia, per capire con esattezza le cause del decesso del paziente, che era stato seguito solo negli ultimi istanti di vita. L’anatomopatologa incaricata dell’esame autoptico, un medico dell’istituto di Medicina legale di Torrette, dopo una prima ricognizione ha però interrotto l’analisi: erano emersi elementi che andavano chiariti con un’inchiesta penale. E’ quindi partita la segnalazione alla Procura della Repubblica, che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo e nell’ambito delle indagini ha disposto un’autopsia, che è stata condotta ieri mattina. In particolare, l’anatomopatologa incaricata della prima ricognizione ha notato un foro con materiale ematico nel polmone destro, del diametro di poco più di mezzo centimetro. I polmoni erano pieni di liquido, circostanza che spiega le difficoltà respiratorie del povero anziano.

Già dall’esame esterno il medico aveva notato ecchimosi alle braccia e un enfisema sottocutaneo su tutta la parte destra del torace. L’anatomopatologa, che aveva svolto la prima ricognizione venerdì pomeriggio, aveva interrotto l’esame autoptico dopo aver scoperto il foro al polmone. Ora si spera nell’autopsia disposta dal pm Rosario Lioniello per chiarire il mistero. Ci si chiede principalmente se la lesione sia stata provocata da un evento traumatico e in quale epoca possa essere insorta. Il foro potrebbe essere stato causato durante le manovre di soccorso, oppure è stato provocato da un altro evento durante la degenza dell’89enne nella casa di riposo. Per ora il fascicolo è aperto contro ignoti, in attesa che il medico legale incaricato dalla Procura trasmetta i risultati della sua analisi.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente La nonnina raggira il Comune: per dieci anni ha avuto una casa gratis Successivo Auto e moto, tesori d’epoca: ecco la fiera dello scambio