Morto Eriberto Guidi, maestro della fotografia

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ferrmo 3 gennaio 2015 – Si è spento Eriberto Guidi, grande maestro della fotografia celebrato in tutto il mondo. Dopo Mario Dondero la città piange un altro talento della fotografia. I funerali si terranno domani a Fermo alle 10 nella Chiesa di Sant’Agostino in piazzetta. Apprezzato in tutto il mondo, hanno scritto di lui grandi critici internazionali.

Era nato e viveva a Fermo da sempre, ma le sue opere hanno travalicato i confini nazionali dal 1970 quando la prestigiosa rivista Life nelle edizioni di New York, Tokio, e Amsterdam ha pubblicato quattro suoi paesaggi. Le sue opere fotografiche sono state oggetto di mostre che hanno attraversato i continenti, da Mosca nel 1981 a New York nel 2000 e poi ancora New York pochi anni fa e tutte le principali capitali europee. Era un uomo schivo e riservato, ma la sua arte poetica per immagini ha attraversato il mondo e la storia della fotografia del secondo ’900.

Era un artista che ha portato ad essere apprezzata in mezzo mondo l’intensa poesia dei luoghi della sua  terra, il Fermano, del suo paesaggio che vive e parla delle morbide geometrie che lo disegnano, degli antichi mestieri di cui la gente è depositaria. Guidi si dedica alla fotografia dalla fine degli anni ’50, quando inizia a collaborare con l’amico Luigi Crocenzi per il Centro Cultura Fotografia, partecipando nel 1957 al Festival Mondiale di Mosca. Inizia la sua attività nel campo del reportage e del racconto fotografico, privilegiando l’uso  dell’immagine come vera e propria scrittura.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Cagli, dura protesta per i tagli alla sanità Annunciato presidio a casa di Ceriscioli Successivo Porto San Giorgio, Raccichini al M5S "Loira concreto, voi solo fiumi di parole"