MotoGp rovente, Graziano il papà di Vale: "Valencia? Nulla è mai finito finchè non è detta l’ultima parola"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 26 ottobre 2015 – La situazione è storica, senz’altro epocale e il richiamo classico: «Il leone non si difende dai lacci, la volpe non si difende dai lupi». E’ Machiavelli, il protagonista è Valentino Rossi, gran «principe» e dunque «leone e volpe» insieme e dunque avveduto di leoni e di lacci. Lo aveva previsto e tuttavia a Sepang si è perpetrata una specie di imboscata che ha ridimensionato brutalmente le sue possibilità di vittoria del mondiale: da una parte il leone Lorenzo, dall’altra la volpe Marquez. E’ venuto fuori l’inimmaginabile, una guerra di religione con fronti contrapposti così repentini da far pensare che stessero covando sotto la cenere. E Valentino minaccia: «Non so se a Valencia ci vado».

Delusione, ma soprattutto rabbia nel mondo dei tifosi di Valentino, da Tavullia in giù. «Se si lascia – dice Graziano, padre di “Vale” – che un altro pilota possa porre in atto un manovra di disturbo così plateale e violento allora vuol dire che si sta giocando senza regole e questo nel motociclismo può diventare molto pericoloso. Gli errori più gravi sono stati degli organi dirigenti. Cosa succederà a Valencia? Direi che è già successo tutto, anzi no, nulla è mai finito finchè non è detta l’ultima parola».

«Sono frastornato – afferma “Micio”  Maurizio Tonucci, barbiere storico di Valentino -. Spero che Vale a Valencia ci vada. Non so che altro dire che non sia contro Marquez». «Sono d’accordo con Vale – dice Nicola gran tifoso – quando dice che Marquez è riuscito nel sui intento di non fargli vincere il mondiale. Resta da capire il perché, finora non c’è risposta. Pensavo che Marquez fosse un campione ora non più». A nome suo e di tanti altri amici del Fan Club di Tavullia Claudio Mariotti pone solo una domanda: «Perché Marquez che aveva un tempo buono per vincere si è invece disinteressato della gara ostinandosi con Valentino?». Bella domanda per mille risposte. 
 

 

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente La tamponano e poi le rubano la macchina Successivo Portella Santa Maria: l’autorità portuale torna indietro e rimuove subito i paletti