MotoGp, Valentino Rossi condannato dalla stampa spagnola: "Crolla un mito"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 26 ottobre 2015 - “E’ crollato un mito”. La Spagna è furibonda con Valentino Rossi dopo lo scontro Marquez al Gp di Malesia . La prima pagina di Marca mostra una foto del pesarese e di un giovanissimo Marc Marquez in cornice e con il vetro rotto come a testimoniare la fine di un amore. “Vergognoso: Rossi butta giù Marquez con un calcio” si legge. Nel sommario: “L’italiano macchia la sua leggenda ma riceve una punizione ridicola e potrebbe ancora laurearsi campione a Valencia, dove partirà ultimo”. All’interno i titoli “un calcione al motociclismo” mentre la punizione di Valentino che partirà ultimo nel Gp di Valencia è definita “vergognosa”. Poi, come tutti i giornali, la rievocazione dei gesti entrati nella storia dalla testata di Zidane a Materazzi al morso di Tyson ad Holyfield. Il Pais titola: “Rossi dà un calcio alla propria leggenda”. 

El Mundo parla di “una macchia su una carriera gloriosa” e scrive in italiano “Il Dottore Maligno”, “Nemmeno per un Mondiale ne vale la pena”. As fa parlare l’ex campione Angel Nieto per il quale “Tutto ciò fa male al motociclismo”. E l’invito “Rossi non deve correre a Valencia”.

 

Lippi e Malagò: “E’ caduto nella trappola”
“Sono dalla parte di Rossi, è caduto in un trappolone. E’ un essere umano che ha sbagliato”. Questa l’opinione di Marcello Lippi, ospite di ‘Non è un paese per giovani’ su Radio 2 Rai, a proposito del contatto avvenuto nel Gran Premio di Malesia tra il pilota di Tavullia e Marc Marquez. “La cosa più sbagliata è leggere le dichiarazioni di Lorenzo che è il suo compagno di squadra – ha proseguito l’ex ct della nazionale – La cosa più bella che si è sentita dire stamattina è che Rossi meritava una punizione più pesante. Un grande campione suscita sempre una grande invidia, è stato vergognoso vedere come Marquez abbia fatto passare Lorenzo, in tutta semplicità, e vedere poi la battaglia che ha fatto con Rossi distante 120 punti dal Mondiale. Rossi ha sbagliato però era giustificato un po’ di nervosismo”. 

 ”Mi sembra che Valentino stesso lo abbia riconosciuto, è cascato nella provocazione. C’è una responsabilità da parte sua però io lo voglio assolutamente difendere e non per un fatto istituzionale”. Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, parlando del contatto fra Valentino Rossi e Marc Marquez con caduta dell’iberico nel Gran Premio di Malesia della classe MotoGp. Secondo il numero uno del Coni, “la poca sportività dimostrata da Marquez” mette in mostra come le dichiarazioni della vigilia di Rossi “fossero assolutamente vere”. Malagò non entra nel merito della squalifica comminata a Rossi, che partirà dall’ultima fila nel decisivo Gp di Valencia ma mette in luce come: “così facendo si sia falsato il mondiale e questo non lo trovo giusto”. “Sono particolarmente vicino a Valentino e lo abbraccio forte”, conclude a margine di un convegno sulla scherma al Coni. 

 

E Biaggi applaude Lorenzo
“Condotta di gara intelligente, un bravo e freddo Lorenzo. Bel successo di Pedrosa. Del resto…meglio non parlarne”. Così Max Biaggi, ex pilota e storico rivale di Valentino Rossi, ha commentato via Twitter quanto accaduto nel corso del Gran Premio di Malesia, non esprimendosi in merito al contatto tra Marquez e il pilota della Yamaha. Il pilota romano ha poi ‘ritwittato’ il commento di Artur Vilalta, manager di Jorge Lorenzo, che ha smentito che lo spagnolo sia andato in Direzione Gara al termine del Gran Premio.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Doppio blitz in motorino: coppia di scippatori seriali intercettata dai carabinieri Successivo Civitanova, bloccata la coppia sospettata di scippi seriali