Musica: si è spento a 67 anni Chris Squire il grandissimo bassista degli Yes

squire

Il bassista Chris Squire è scomparso il 28 Giugno per colpa della leucemia: a Maggio 2015 aveva annunciato il ritiro dalle scene

Chris Squire è morto il 28 Giugno 2015 per l’aggravarsi della forma di leucemia molto rara che lo scorso 20 Maggio lo aveva costretto ad annunciare il ritiro dalle scene.

La conferma della morte di Chris Squire, bassista e fondatore degli Yes, è arrivata dal collega e amico Geoffrey Downes con un post su Twitter.

Nato nel 1948 a Kingsbury nel nordovest di Londra, Chris Squire ha avuto un’adolescenza turbolenta con abbandono della scuola a favore della musica. Comprò il suo primo basso nel 1965, un Futurama che lui descrisse come “non buono, ma ottimo per imparare a suonare”, finché nel 1968 non diede il via all’avventura con gli Yes assieme a Jon Anderson, Bill Bruford e Tony Kaye.

Il primo album degli Yes uscì nel 1969 e la band inglese divenne ben presto una delle più conosciute dell’era progressive rock: Chris Squire, in tutto questo, è stato anche l’unico membro originario a resistere ai numerosi cambi di line-up degli Yes nel corso di una carriera più che quarantennale, costellata di moltissimi successi ai quali ha contribuito nella scrittura e nella registrazione grazie al suo stile di suonata aggressivo e potente. continua a leggere>>>

FONTE http://www.soundsblog.it/

______________________________________________________________________

Nella mia crescita musicale, è stato un maestro, ha fatto capire al mondo che suonare il basso e cantare, era unire l’anima con il corpo per esprimere una creatività assoluta. Solo lui riusciva a cantare e suonare contemporaneamente in un modo spettacolare due strumenti Il basso e la voce. Senza di lui moltissimi bassisti non sarebbero mai esistiti, Chris Squire ha inventato uno stile, ha cambiato le regole della musica e le ha messe a disposizione del mondo musicale e artistico.

R.I.P

Andrea Poeta

Precedente Fabriano - Bellissima edizione del Palio, peccato la sosta selvaggia nelle vie del centro storico (le foto) Successivo Ad Ancona punto progetto Intermodadria