Musicultura, Braschi e Caravita ex aequo per l’Un Certain Regard

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 21 febbraio 2016 – Sabato di grande musica live al Teatro della Società Filarmonica di Macerata, sold out anche per questo weekend per le audizioni live dei 46 artisti della ventisettesima edizione di Musicultura. Ad aprire le esibizioni dei cinque concorrenti in gara, il cantautore avellinese Antonio Pignatello che ha dedicato la sua performance alla scomparsa di Umberto Eco, con un commovente applauso si è unito il grande pubblico del teatro per rendere omaggio a uno dei più grandi intellettuali italiani della storia contemporanea. Accompagnato da una band composta da una parte dalla Banda della Posta di Capossela e dal maestro Roberto Manuzzi storico sassofonista di Guccini, il cantautore avellinese ha saputo entusiasmare i presenti tanto da aggiudicarsi il premio “Gradimento del pubblico”. Ad aggiudicarsi il premio della commissione di ascolto di Musicultura per la migliore esibizione della serata “Un Certain Regard” dal rettore dell’Università di Macerata, Luigi Lacchè, è stato Icio Caravita ex aequo con Braschi. Caravita un cantautore e “un gatto randagio che cammina sulla vita, distrattamente attento”. Nei tre brani da lui offerti al pubblico con la sua chitarra insieme a quella di Massimo Germini, storico chitarrista di Vecchioni, un compendio di emozion. Così come la creatività dell’artista ferrarese, che crea canzoni quando decide “di mettere insieme, come pezzi di un mosaico, ed ordinarle, tutte le cose che gli hanno procurato emozioni”. Tre bei racconti suggellati da atmosfere musicali perfettamente create dal duo.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Festa delle Pro Loco a Loreto Successivo Maceratese frenata dall’Ancona: finisce 1-1