Nel film di Gabriele Salvatores spunta una bella ragazza fanese

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Fano (Pesaro e Urbino), 19 settembre 2014 – C’è un po’ di Fano nell’ultimo film di Salvatores. E’ il volto di Alessia Gatti, 25enne fanese emigrata tre anni fa a New York, attrice e filmmaker, che compare tra le 600 testimonianze di italiani che compongono la lunga carrellata di «Italy in a Day».

«E dire che non volevo neppure partecipare» racconta la ragazza selezionata tra più di 44mila partecipanti. E’stata la mamma Manuela a venire a conoscenza del «concorso» e ad avvisare la figlia in America. «Inizialmente pensavo che potessero partecipare solo gli italiani in Italia — spiega —, però mi ha colpito la data scelta per questa collective. Ho partecipato perché chiedevano testimonianze di italiani nella loro giornata del 26 ottobre 2013. E siccome quel giorno era il compleanno di mia nonna Lina, ho pensato di farle un regalo. Ho fatto uno dei miei video in cui le facevo gli auguri e poi altri video in giro per New York mostrando i miei luoghi preferiti. Cinque spezzoni che ho girato anche alla produzione del film di Salvatores. Più di 44mila persone hanno mandato i loro video. Loro ne hanno selezionati 600. A marzo di quest’anno ho ricevuto la chiamata da Milano che mi annunciava che ero stata selezionata. Però non so ancora per quale video e per quanto tempo sarò presente nel film. Sarà una sorpresa anche per me».

La Gatti ha un legittimo sospetto su quale dei 5 video che ha inviato, possa aver colpito Salvatores. «La Rai ha mandato in onda un trailer del film la scorsa settimana, dove ci sono anche io — prosegue —. E’ lì o visto che hanno preso il video in cui stavo raccontando i valori che la mia famiglia, un bagaglio d’amore che mai mi lascerà ovunque andrò… e qui è scesa la lacrimuccia che poi è stata inserita nello spezzone andato in onda. Non so se hanno montato anche altri pezzi». Alessia è una giovane bella e talentuosa che negli Usa ha trovato la sua strada.

«Lavoro a tempo pieno come filmmaker attrice e producer — conclude —. Ho prodotto di recente a giugno un cortometraggio per la regia di Oscar Boyson a Venezia con la collaborazione della Biennale e l’Associazione Culturale del Kuwait. Poi in questi ultimi mesi ho girato 3 pubblicità, questa settimana ne ho girate altre due, in pratica io scrivo l’idea organizzo lo shooting, giro e faccio anche il montaggio. Ora sto lavorando come Community manager per un progetto per Barilla, sempre un video contest, faccio da tramite tra filmmaker USA e Italia». Le piacerebbe fare il salto di qualità e forse… «recentemente ho fatto un’audizione per una Off Broadway Play, ma non posso svelare nulla. Tengo le dita incrociate».

Tiziana Petrelli



 

Precedente Accusa un malore alla guida Salvato dal personale del 118 Successivo Inchiesta sulla ‘cricca’, confiscata a Balducci la villa di San Giorgio di Pesaro