Night sotto accusa: "Allaccio abusivo, acqua a sbafo"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Civitanova, 24 aprile 2015 – Con un allaccio abusivo all’impianto del vicino, il night Gioia di Montecosaro avrebbe messo a segno un furto di acqua per qualche migliaio di euro. Per questo ora si trova sotto processo il legale rappresentante della società che gestisce il night, il civitanovese Marco Luciani. I fatti sarebbero successi nel maggio del 2013. Il proprietario di una società lì vicina avrebbe notato un consumo abnorme di acqua. Per questo sarebbe andato a controllare l’impianto, scoprendo così l’allaccio abusivo: a usare l’acqua che pagava lui sarebbero stati i dipendenti del Gioia. Subito venne presentata una denuncia, e dopo alcune indagini il responsabile del night è stato rinviato a giudizio con l’accusa di furto. Nei giorni scorsi, in tribunale a Macerata, si è tenuta la prima udienza sulla vicenda. Ma il processo è stato subito rinviato a febbraio, per ascoltare i testimoni e ricostruire i fatti. In udienza, il titolare della società da cui sarebbe stata sottratta l’acqua si è costituito parte civile, con l’avvocato Pietro Siciliano: il danno che avrebbe subito ammonta a qualche migliaio di euro.

L’imputato, Luciani, difeso dall’avvocato Achille Castignani, respinge però ogni accusa, anche perché lui sarebbe stato un responsabile di facciata della società, di fatto gestita da altre persone. Lo stesso night per altro è già sotto processo per un altro furto, in questo caso di energia elettrica e acqua, che sarebbe stato commesso nel 2012 sempre con il sistema degli allacci abusivi.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente "Animali denutriti e carcasse". Sequestrata ‘L’isola del nonno’ Successivo L'Oroscopo di oggi gli astri del Borghigiano