“Non posso perdere il lavoro”: firma per uscire dall’ospedale e muore a 31 anni

Rashidul Hasan Shibly

«Non posso perdere il lavoro». Pescatore firma per uscire dall’ospedale e muore di polmonite a Senigallia.

Si tratta di un bengalese di 31 anni. Da qualche giorno non si sentiva bene e sabato era andato al pronto soccorso dove gli era stata diagnosticata un’infezione a un polmone. Era stato quindi trattenuto per diverse ore poi aveva firmato per uscire perché doveva andare a lavorare. Nonostante l’insistenza del personale sanitario, che si opponeva alla dimissione, il 31enne se n’era andato.

La vittima si chiama Mohammed Rashidul Hasan, per tutti Shibly. Da nove anni lavorava nella darsena Bixio, aiutando i pescatori a pulire e piegare le reti. Perfettamente integrato, parlava benissimo il dialetto senigalliese e viveva in un appartamento di via Raffaello Sanzio.

FONTE ARTICOLO IL MESSAGGERO MARCHE

(Fonte foto FB)

Precedente E’ scomparso il geometra Crescentini: fece bella la città Successivo Pugni in faccia alla negoziante ​Arrestata una giovane nomade