Nuovo ospedale, entro fine mese si aprono le buste per la progettazione

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fermo, 10 gennaio 2016 - Recente passato, presente e futuro del Fermano. Ne ha discusso, ieri mattina in conferenza stampa, lo stato maggiore del Pd, guidato dal segretario provinciale Paolo Nicolai, presenti l’assessore regionale al bilancio Fabrizio Cesetti, il consigliere Francesco Giacinti, presidente la Commissione bilancio affari costituzionali, e il presidente della Provincia, Aronne Perugini. «La gestione di un rapporto intenso con le istituzioni a livello superiore ha dato risultati importanti, in un momento, non dobbiamo negarlo, di particolare difficoltà – ha esordito Nicolai -. Il Pd è stato sempre presente, propositivo e continuerà a esserlo nell’immediato futuro».

I due grandi obiettivi, come noto, dovranno essere il nuovo ospedale di rete e il rilancio per la terza corsia dell’A/14 fino a Pedaso. «Venerdì prossimo, nella sede della Provincia, firmeremo l’accordo di programma per l’ospedale – ha annunciato Cesetti -. Un risultato portato a casa grazie alla condivisione di questo territorio con le politiche regionali, tanto che oggi possiamo dire che l’ospedale di rete è realtà, giacché nel bilancio 2016 e in quello pluriennale 2016/18 è scritta la somma di 26 milioni di euro di risorse regionali, quale cofinanziamento dell’opera, che ha ottenuto 40 milioni d’impegno statale».

Un altro passo importante verso la realizzazione del nuovo ospedale a Campiglione sarà fatto dalla Regione entro fine mese: «Apriremo le buste (sono quattordici le offerte arrivate, ndr) per l’assegnazione della progettazione esecutiva dell’opera. Mi piace aggiungere – ha detto ancora Cesetti – che l’ospedale di Fermo è un obiettivo regionale, voluto dalla maggioranza che governa le Marche per un territorio che deve iniziare a guardare oltre i propri confini. Una sfida che il Fermano deve vincere. Con la costruzione dell’ospedale, poi, cade definitivamente la possibilità della centrale a biomasse. Voglio proprio vedere chi avrà ancora il coraggio di sostenere la centrale quando nelle vicinanze ci sarà l’ospedale, oltre alla scuola e al centro Montessori». Sulla questione è intervenuto anche Giacinti: «In un momento di austerità come l’attuale, abbiamo portato a casa risultati importanti. Il Fermano è in pole position su alcuni progetti che vengono da lontano e che nel tempo si erano arenati. Un preciso segnale per Fermo e il territorio».

 

 

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Si ferma per consegnare libri alla Rinascita e gli rubano l’auto Successivo Furti e spaccate nei negozi, è un commando