Oculistica, le emergenze a Jesi e Fabriano

medico

SENIGALLIA LE URGENZE notturne e festive del Reparto di Oculistica dell’ospedale vengono temporaneamente effettuate dai Reparti specialistici di Oculistica degli Ospedali di Jesi e Fabriano. Questo perché il Reparto ha registrato il contemporaneo pensionamento di tre dirigenti medici oculisti senigalliesi. Attualmente quindi a prestare servizio attivo è rimasto un unico medico coadiuvato da due oculisti che effettuano però attività di volontariato. È in corso la procedura per l’assunzione entro i primi mesi dell’anno

di un nuovo Oculista. Dopo l’articolo pubblicato dal Carlino sulle criticità del reparto E’ questo il quadro delineato al coordinatore del Tribunale del malato, Umberto Solazzi, dal direttore generale dell’Area Vasta 2, Giovanni Stroppa e dal primario dell’Oculistica di Fabriano, Stefano Lippera, incaricato anche della direzione del reparto senigalliese. «L’ attività oculistica di routine spiegano i responsabili dell’ Area Vasta 2 viene assicurata dalla cooperazione degli oculisti senigalliesi Sbrocca, Giovine e Fiora questi due ultimi da poco pensionati ma ancora in attività all’interno del reparto con i colleghi fabrianesi Ferroni, Pallotta e Mercanti guidati dal primario Lippera. Esiste quindi una équipe di medici di area vasta che assicura nel reparto di Oculistica di Senigallia sia le visite ambulatoriali, sia l’esecuzione degli interventi chirurgici della cataratta e le iniezioni intravitreali per le malattie retiniche (maculopatia senile e diabetica)». Interventi più complessi quali i distacchi di retina e i trapianti di cornea vengono invece eseguiti all’ospedale di Fabriano. A Senigallia sono stati effettuati 1.265 interventi da febbraio a dicembre scorsi, di cui 850 interventi di chirurgia della cataratta, 390 iniezioni intravitreali per il trattamento delle patologie retiniche. «Sono circa i medesimi numeri di interventi effettuati nell’anno 2013 senza considerare che nel 2014 la nuova équipe ha preso a lavorare ad anno iniziato precisa l’Area Vasta 2 . La lista di attesa degli interventi di cataratta è attualmente di meno di due mesi, ridotta da più di otto mesi a una attesa cioè del tutto accettabile».

FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente La suora mamma lascia il convento Il vescovo: "Cose che possono succedere" Successivo Delitto Rea, "Parolisi, Cassazione confermi l’ergastolo"