“Offrì da bere alle soldatesse”. Ma il tribunale militare assolve Parolisi

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Teramo, 24 settembre 2014 – Assolto perché il fatto non sussiste. Si è concluso così il processo a carico di Salvatore Parolisi davanti al tribunale militare di Roma, con l’accusa di violata consegna aggravata e continuata.

Secondo la Procura, non avrebbe rispettato gli ordini invitando nel suo ufficio e offrendo da bere alle soldatesse che addestrava nella caserma Clementi di Ascoli. Tra i testi citati, ieri a Roma, c’era anche Ludovica Perrone, ex amante ed ex allieva nella caserma picena dove operava il caporalmaggiore.

Stamane è comparso anche Parolisi (accusato dell’omicidio della moglie Melania Rea il cui processo in Cassazione si svolgerà a febbraio), assistito dagli avvocati Nicodemo Gentile e Federica Benguardato, che ha fornito la sua versione dei fatti.

Fonte Agi



 

Precedente Valentino Rossi ad Aragon a caccia del 2° posto mondiale Successivo Furto in Comune, rubato il portafoglio al portavoce del sindaco