Omicidio di via Crivelli, gli investigatori: "La pistola di Tagliata? Rubata"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 11 novembre 2015 – La pistola calibro 9×21 usata da Antonio Tagliata per sparare e uccidere la madre della sua fidanzata, Roberta Pierini e ferire gravemente il padre, Fabio Giacconi “probabilmente era stata rubata“. Lo rilevano fonti investigative che stanno seguendo il caso ad Ancona. 

“Stiamo effettuando accertamenti mirati sulla provenienza dell’arma – spiegano le stesse fonti – ma il fatto che la matricola sia abrasa e altre circostanze ed elementi raccolti, ci portano a pensare che molto probabilmente era stata oggetto di qualche furto, al quale stiamo risalendo”. Secondo quanto emerso nei giorni scorsi, il 18enne Antonio Tagliata avrebbe comprato la pistola da un’albanese per 450 euro. Ma non vi sono conferme ufficiali di questa ipotesi. 

L’abitazione dove è avvenuto l’omicidio di Roberta Pierini e il tentato omicidio di Fabio Giacconi, genitori della 16enne che aveva un rapporto sentimentale con Tagliata, è ancora sotto sequestro. Indagini sono in corso ancora da parte dei Ris dei carabinieri. 
Questa mattina intanto nel carcere di Camerino si tiene l’udienza di convalida del fermo del ragazzo che è ritenuto responsabile del delitto accaduto in via Crivelli, ad Ancona, sabato scorso 7 novembre. Il 18enne è accusato di omicidio colposo, tentato omicidio e porto abusivo d’arma da fuoco.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle

Precedente Scacco alla cupola dell’eroina: sequestrata droga per 50 milioni di euro Successivo Malore, muore mentre raccoglie le ghiande