Omicidio via Crivelli, "Antonio ha comportamenti borderline: va curato fuori dal carcere"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 22 febbraio 2016 – «Antonio Tagliata ha bisogno di essere curato in una clinica per la salute mentale». Anche la perizia affidata dal gip Antonella Marrone al professor Renato Ariatti conferma il disturbo psichico di Antonio Tagliata, accusato del duplice omicidio di via Crivelli ad Ancona, in cui morirono i coniugi Roberta Pierini e Fabio Giacconi. Nella perizia di Ariatti emerge infatti come il 18enne sia affetto da «‘comportamenti parasuicidari’ – ha detto l’avvocato, Luca Bartolini – che sono considerati la prima causa dei suicidi tra i malati psichici. Tagliata – ha proseguito – deve quindi essere trasferito in un centro specifico».

Decisione che il gip prenderà nelle prossime ore. La perizia conferma dunque «quello che stiamo chiedendo noi – ha continuato il legale -: una struttura dove possa essere curato invece del regime carcerario al quale attualmente è sottoposto e che per lui è incompatibile con il disturbo psichico che ha». E’ molto probabile dunque che Tagliata venga scarcerato per proseguire la pena all’interno di un istituto dove verrà sottoposto «alle cure di cui necessita». Attualmente, il giovane pluriomicida si trova rinchiuso nel carcere di Marino del Tronto.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente San Benedetto, bocciati tutti i test Commercianti pronti alle barricate Successivo San Benedetto, le critiche di Piunti si concentrano sull'ospedale unico