Operaio schiacciato da trave di 150 quintali, amputata una gamba

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 30 settembre 2015 – Gli è caduta addosso una trave di 150 quintali. Lo ha colpito alle gambe, tranciando la destra e spappolando all’altezza della tibia e perone la sinistra. Ora Emanuele Uccellani di 39 anni, di Gubbio, lotta tra la vita e la morte. E’ ricoverato all’ospedale di Pesaro in condizioni gravissime. Lo choc emorragico subìto è enorme. L’infortunio (foto) è accaduto ieri mattina alle 9 in un cantiere edile di strada della Romagna, dove l’operaio insieme ad altri stava posizionando delle capriate in cemento armato nell’alloggiamento apposito. Per cause ancora da accertare, il manufatto è improvvisato precipitato a terra trascinando giù anche l’operaio che era ancorato a quella trave. Un volo di cinque o sei metri che è terminato con un pezzo della capriata che è piombata sopra le gambe dell’uomo.

Le urla dell’operaio, i compagni che sono accorsi, il sangue che usciva copioso dalla gamba destra (poi amputata) hanno trasformato quel cantiere in un film dell’orrore. L’arrivo in pochi minuti dei sanitari del 118 ha permesso di arginare l’emorragia. Nel frattempo era stata chiamata l’eliambulanza ma poi la richiesta ha avuto uno stop perché ci voleva almeno un quarto d’ora per far arrivare il velivolo sul posto. Troppo. Non c’era tutto quel tempo per soccorrere il 39enne che ha sempre mantenuto la lucidità, anche nell’indicare ai suoi compagni di lavoro come rimuovere la lastra di cemento che gli  ècaduta sulle gambe. Per liberarlo, gli operai hanno sollevato con la gru il pezzo di trave caduto spostandolo da sopra il corpo del 39enne. Il medico ha dovuto sedare Emanuele Uccellani per attenuare il dolore insopportabile per poi procedere al trasferimento in ospedale al San Salvatore dove nel pomeriggio gli è stata amputata la gamba destra.

Adesso saranno gli ispettori del lavoro dell’Asur a dover ricostruire le fasi che hanno preceduto il terribile infortunio. Che per un soffio non è costata una vita umana. Infatti la trave nella caduta ha sfiorato la testa dell’uomo poi abbattersi sulle gambe. Quella di sinistra probabilmente si salverà. Il cantiere è stato posto sequestro per consentire agli ispettori di verificare le cause dell’incidente. Un sopralluogo è stato fatto anche dai vigili del fuoco, ma il racconto dei compagni di lavoro del 39enne non lascia dubbi: quella trave si è mossa dall’alloggiamento per cause da accertare ed ha trascinato giù il malcapitato operaio.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Chiama il 113: "Aiuto, mi sta picchiando" Il marito arrestato ad Ancona dalla polizia Successivo Sveglia la moglie, la picchia e la minaccia con il coltello: arrestato