Orciano, muore mentre balla in discoteca

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Orciano, 2 giugno 2015 – Dramma, l’altra sera, alla discoteca ‘Tris’, a Schieppe di Orciano. Un uomo di 68 anni di Piagge, Nando Ciani, è stato stroncato da un malore mentre si trovava nel locale insieme ad amici. La tragedia si è consumata poco dopo le 22: Ciani aveva abbandonato da alcuni istanti la pista per fare una pausa su un divanetto e all’improvviso si è accasciato, senza neanche il tempo di dire nulla, scivolando esanime sul pavimento.

Nella sala, tra i clienti, c’era un medico di Urbino che ha tentato in ogni maniera di fargli riprendere conoscenza e subito dopo è arrivata un’ambulanza del 118 da Fossombrone, il cui personale ha proseguito le manovre di rianimazione, ma purtroppo senza risultato. Per il 68enne, non c’è stato nulla fare. L’infarto, fulminante, non gli ha lasciato scampo, fermando per sempre il suo cuore. Sul posto, nell’immediatezza del decesso, i carabinieri di Mondavio, anche se in merito alle cause naturali dell’evento non c’è alcun dubbio. La notizia della morte del signor Nando ieri mattina ha fatto rapidamente il giro di Piagge, dove tutti lo conoscevano e lo stimavano.

Artigiano edile in pensione, era sempre allegro e cordiale. «Aveva un sorriso per tutti – evidenzia con un filo di voce Massimiliano Montanari, suo compaesano –. Quando arrivava al ‘Nico Bar’ l’aria nel locale diventava subito più frizzante e sorridente. Gli piaceva il ballo e giocava volentieri a carte con i suoi tanti amici». «Esprimo alla sua famiglia il cordoglio sincero di tutta la comunità piaggese» sottolinea, da parte sua, il sindaco Maurizio Cionna. Nando Ciani lascia la moglie Marilena e i figli Luana, Paolo e Ramona. Quest’ultima, titolare di un salone di parrucchiera a Calcinelli, ci dice: «La consolazione è che è morto mentre faceva una cosa gli piaceva tantissimo. Il ballo era la sua grande passione. Io, i miei fratelli e la nostra mamma lo ricorderemo sempre per la sua straordinaria gioia di vivere e per l’amore smisurato che aveva nei confronti della famiglia». Il rito funebre si terrà domani pomeriggio alle 16 nella chiesa parrocchiale di Santa Lucia e sarà celebrato da don Giacomo Mura. Seguirà la tumulazione nel cimitero del paese.

 



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Storia, origini e tradizione della Festa Della Repubblica Successivo La viabilità nelle Marche in tempo reale -A cura di CCISS-