ORDINANZA DI TRANSENNAMENTO URGENTE E CHIUSURA AL TRAFFICO COMUNE DI CERRETO D’ESI Provincia di ANCONA

IL BORGHIGIANO
Fonte -Comune di Cerreto d’Esi-

IL BORGHIGIANO 20142015

LEGGI QUI http://www.comune.cerretodesi.an.it/
ORDINANZA DI TRANSENNAMENTO URGENTE E CHIUSURA AL TRAFFICO COMUNE DI CERRETO D’ESI Provincia di ANCONA Ordinanza n. 43 del 31/10/16 IL SINDACO PREMESSO – che il territorio comunale è stato colpito nelle giornate del 26 e del 30 ottobre da un evento sismico ancora in atto , a seguito del quale, con DPCM del 25 agosto 2016 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 199 del 26 agosto 2016 è intervenuta la Dichiarazione di Stato di Emergenza ex art. 2 c. 1^ lett. C) della legge 24.2.1992 n. 225; Che In seguito alle forti scosse di magnitudo 5.4 e 5.9 che il 26/10/16 hanno colpito nuovamente il Centro Italia, il Consiglio dei Ministri ha adottato una delibera che estende gli effetti della dichiarazione dello stato d'emergenza del 25 agosto 2016 per gli eccezionali eventi sismici che hanno interessato il 24 agosto scorso le Regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo. – che dalle indagini tecniche all’uopo esperite dall’Ufficio Tecnico in data 30 ottobre 2016 ancora in corso, è risultato che alcuni fabbricati già resi inagibili e sgomberati comportino la presenza di un grave interessamento, oltre che della struttura dell’immobile stesso, anche della strada pubblica prospiciente, di proprietà comunale; VISTO Le risultanze del sopralluogo effettuato in data da tecnici esperti del 30 e 31 ottobre CA dal quale si evince la pericolosità della situazione e in cui vengono proposti gli immediati accorgimenti da realizzare senza indugio alcuno per la messa in sicurezza provvisoria degli immobili e della zona circostante; CONSIDERATO che, stante la situazione evidenziata dal verbale di che trattasi, gli eventi citati in premessa possono reiterarsi, provocando ulteriori peggioramenti della struttura, della quale è prevedibile la possibilità di un crollo parziale o completo; RITENUTO di dover provvedere tempestivamente a vietare il transito VEICOLARE di mezzi e persone in prossimità delle strutture e vie di tutto il centro storico identificabile con la parte interna delimitata dalle mura castellane , e di dover transennare provvisoriamente alcune zone per preservare persone e beni da temuti crolli delle strutture stessa; ATTESO che tale situazione di pericolo, ove non si intervenga tempestivamente nel senso indicato, può pregiudicare la pubblica incolumità, ponendo a rischio la vita delle persone; VISTI l’art. 6 commi 4^ e 5^, l'art. 7 comma 1^ e l’art. 30 del Decreto Legislativo 30.4.1992 n. 285 (Nuovo Codice della Strada); VISTO l'articolo 15 della Legge 24 febbraio 1992, n. 225 (Servizio nazionale di protezione civile); VISTO l'articolo 54 comma 2^ del D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 (Testo Unico dell’ordinamento degli EE.LL.; ORDINA All’ UTC e Ufficio Polizia Locale ciascuno per le peculiari competenze: 1) – LA CHIUSURA AL TRAFFICO VEICOLARE, fino a completa rimozione dei problemi emersi e segnalati e comunque fino a nuova ordinanza, delle seguenti strade intercluse all’interno delle mura castellane nello specifico VIA CARLO CALONI, VIA FRANCESCO MOREA, VIA BESTRENGA, VIA FIORENZUOLA, VIA TACCONI, VIA ROMA, VIA BERTA, VIA TRIBBIO, VICOLO MIRASOLE, VIA DON RAFFAELE CHIUCCHI, PIAZZA CICCARDINI, PIAZZA MARCONI E PIAZZA SAN ROCCO : – LA CHIUSURA AL TRAFFICO PEDONALE della via Morea dall’intersezione con Piazza Marconi fino al civico 4 della suddetta via; – LA CHIUSURA AL TRAFFICO PEDONALE di via San Lorenzo dal civico 6 fino al civico 7 – LA CHIUSURA AL TRAFFICO PEDONALE via Mirasole dal civico 5 all’intersezione con via San Lorenzo; – LA CHIUSURA AL TRAFFICO PEDONALE di via Tacconi dal civico 10 al civico14 escluso – LA CHIUSURA AL TRAFFICO PEDONALE di via Tribbio dal civico 14 al civico 9 – LA CHIUSURA AL TRAFFICO PEDONALE via Bestrenga dal civico 12 all’intersezione con via Tribbio. – il transennamento e la messa in sicurezza provvisoria della zona interessata da eventuali crolli, secondo la proposta tecnica indicata nel verbale di sopralluogo citato in premessa; – l’apposizione presso gli ingressi delle strade suddette le necessarie segnalazioni di divieto e di pericolo prescritte dal Codice della Strada oltre alla presente Ordinanza; — DEROGHE alla predetta ordinanza saranno concesse ai veicoli asserviti alle operazioni di messa in sicurezza e ripristino dopo aver concordato modalità e tempi dell’intervento col locale U.T.C. 2) – A CHIUNQUE: – di non accedere alla zona transennata e segnalata senza autorizzazione; – di rispettare e far rispettare la presente ordinanza; DISPONE – di comunicare il presente provvedimento al Sig. Prefetto di ANCONA – l’Ufficio Tecnico Comunale è incaricato dell’esecuzione del presente provvedimento; – il Comando di Polizia Municipale è incaricato della notifica della presente ordinanza; – di pubblicizzare la presente ordinanza mediante affissione nei luoghi pubblici e particolarmente all’imbocco delle strade interessate INDIVIDUA quale responsabile del Procedimento è il responsabile dell’U.T.C.; AVVERTE che contro il presente provvedimento i cittadini interessati possono proporre: – ricorso al TAR entro 60 gg. dalla notifica o dalla piena conoscenza dell’Ordinanza. – ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 gg. dalla notifica o dalla piena conoscenza dell’Ordinanza. Dalla Casa Comunale, li 31 ottobre ’16 IL SINDACO Giovanni Porcarelli 

Precedente Castelraimondo - 1100 sfollati, crollata la facciata di una chiesa Successivo Terremoto, 25mila sfollati nelle Marche Crolli in cento Comuni, paesi evacuati