Palas, non solo sport: “Ottimo anche per i concerti”

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Civitanova Marche, 4 ottobre 2014 – Il sindaco Corvatta e il vice Silenzi replicano al “dossier palas” sollevato dal centrodestra. E lo fanno in una conferenza stampa sulle gradinate del palazzetto in costruzione. «Sono state dette balle — esordisce Silenzi —. Marinelli e Brini intanto avevano attaccato che nessuno si era premurato di uno studio sull’acustica anche per i concerti e che noi siamo quindi corsi ai ripari: e invece eccolo qui lo studio, datato 20 giungo e redatto dall’Acustica, una delle ditte più accreditate sul campo». A spiegare il documento, Umberto Ciccarini, direttore tecnico della Palace, società che gestirà l’impianto: «Il documento osserva come la struttura è a norma e può ospitare i service — dice Ciccarini —. Noi siamo anche andati oltre: abbiamo studiato, con simulazioni, materiali che andiamo ad inserire per migliorare il tempo di riverberazione. Qui si potrà fare ottima musica». I ritardi? C’è chi li imputava al tetto da modificare per migliorare il sonoro.

«Niente affatto — prosegue Silenzi —: la ditta Rubner, incaricata alla realizzazione, non aveva iniziato la produzione aspettando la firma del nuovo contratto, vista la modifica della convenzione. Ci siamo incontrati in Trentino e lunedì i tecnici dell’azienda saranno a Civitanova per predisporre il tetto, con le prime campane che arriveranno in una settimana. Quindi di giorno si lavorerà sul tetto e di notte sulle infrastrutture». «Marinelli ha parlato anche di costi in più — continua ancora Silenzi —, ma anche questa è una balla: il palazzetto non toglierà un euro dalle tasche dei civitanovesi. Quello che il Comune deve dare alla Civita Park è già stato definito: un milione e 250mila euro, che non si carica sulle tasse.

Questo perché 900mila arrivano dalla transazione degli oneri e 350mila dalla cessione del diritto di superficie sull’area commerciale tra Palas e fiera». E sulla prevenzione incendi, Silenzi e Corvatta osservano: «Nessuna lacuna sui permessi. Sul palas il parere definitivo ci sarà solo quando la struttura sarà ultimata, con tutto l’arredo all’interno. E’ in itinere il parere provvisorio. Invece c’è il parere provvisorio della feria, che diventerà definitivo quando sarà individuato il gestore e saranno allestiti gli arredi». «Sono state predisposte tutte le accortezze possibili — conclude Corvatta —: qui giocheranno i campioni d’Italia, ma si potranno fare anche concerti. Importante sottolineare che questa struttura, che avrà il piacere di ospitare la Lube, è pensata per la città».

 



 

Precedente Mediazione linguistica, è ancora derby: Corvatta e gli studenti all’attacco Successivo Torna dalla festa, aggredita a 16 anni da uno straniero nudo che tenta di violentarla