Paolorossi vince con gli Stadio «Orgoglioso di averli vestiti io»

paolorossi curreri

IL BORGHIGIANO FABRIANO IL BLOG DELLE MARCHE – Sul palco dell’Aristonc’era un po’ di aria di casa nostra, quella più bella e di stile. Non tutti sanno che a vestire gli Stadio (FOTO), vincitori della 66esima edizione del Festival di Sanremo, è stata la sartoria di Luca Paolorossi, il sarto di Filottrano. Sarebbe stato di per sé già grandioso anche se non avessero vinto il festival ma quel premio ha senza dubbio aumentato esponenzialmente la portata dell’immagine, specchio delle Marche più belle.

Una doppia vittoria personale di certo per Paolorossi e per esteso per tutti gli artigiani del bello: «Gli Stadio mi hanno mandato un collage di foto con le iniziali dei loro nomi ricamati da mia madre dentro le loro giacche. Sono io a doverli ringraziare», afferma il sarto filottranese, grato e soddisfatto per il lavoro l’indomani della vittoria. Proprio Paolorossi è uno dei più grandi promotori del made in Marche confezionato anche per grandi artisti che entrano ed escono dal suo atelier con i suoi abiti che poi sfoggiano sulle riviste italiane o nel piccolo schermo. Quegli abiti che hanno vestito tutti i quattro componenti della band stanno facendo parlare molto di sé, quotati con il massimo del punteggio dai giornali di moda che hanno commentato a tutto tondo il festival della canzone italiana.

Un’eleganza che fa il paio con quella della canzone presentata dagli Stadio, «Un giorno mi dirai».L’esperienza dei Paolorossi affonda le sue radici in una lunga storia di passione per la moda che si è ben riflettuta anche questa volta sul piccolo schermo davanti a milioni di italiani che hanno applaudito la vittoria.

Elegantissimi nei loro completi neri, perfettamente inquadrati dalle telecamere durante le esibizioni e la cerimonia di premiazione finale accanto al presentatore Carlo Conti, hanno veicolato loro stessi al potenza del marchio che è un tutt’uno con la città dov’è nato. Gli Stadio si sono fatti confezionare quei vestiti su misura nello stesso atelier di Filottrano dove hanno sostato qualche ora prima delle prove. Non sono nuovi dei dintorni: in particolare Gaetano Curreri, il leader della band, ha fatto visita a Osimo passando diverse serate in feste private prima di esibirsi in concerto.

Notizia riferita da SILVIA SANTINI IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Ancona, un impiegato comunale invece di lavorare passava ore al bar Successivo Cerchi lavoro? Ecco le offerte di Pesaro, Fano e Urbino