Parcheggio Selvaggio Proteste al Borgo

FABRIANO 29 Novembre 2012

FABRIANO

Segnaletica stradale da rifare e pilomat fuori servizio da mesi: le lamentele di cittadini e politici in questi giorni si concentrano sulla viabilità. I primi a protestare sono i residenti del popoloso quartiere del Borgo. «Impera il più assoluto disordine – si legge in una nota a firma di Ottorino Zamparini – Una confusione sia nel traffico che nella sosta degli autoveicoli con automezzi parcheggiati sui marciapiedi, a pochi passi dagli ingressi degli uffici pubblici e privati, sulle entrate delle attività commerciali e dei servizi, a ridosso delle vetrine. E, fatto ancora più grave, ci sono mezzi «sul passaggio pedonale e sull’accesso alle strade con il blocco del passaggio dei pedoni, e auto ferme sui segnali stradali degli stop».

La colpa è di una «inappropriata» segnaletica e del fatto che si verificano «numerose infrazioni del codice della strada senza che ci sia un adeguato controllo. L’auspicio – conclude la nota – è che il Comune possa rispondere sollecitamente e porre rimedio con un’adeguata segnaletica stradale».

TRANSENNE NEL MIRINO

Ma anche i pilomat posizionati nella paprte centrale di corso della Repubblica continuano a essere motivo di polemica. E Claudio Biondi del Pdl parla di «Un’Amministrazione comunale inefficiente che non si preoccupa di sistemare il terzo pilomat ormai non funzionante da mesi. Si sono accontentati di posizionare un transenna, assolutamente inestetica, e poi assicurano che faranno rotatorie e opere pubbliche importanti per la città. Non ci si può sicuramente credere. O forse per aggiustare il pilomat hanno bisogno del conforto di qualche professore universitario o qualche tecnico di grido». Secondo Biondi anche questo è turismo. «Pontificano che tutti, commercianti e albergatori in primis, debbano rafforzare la qualità dei servizi offerti e poi in pieno centro storico si vede una transenna. I turisti debbono ammirare la bellissima piazza del Comune con il Palazzo del Podestà, la Fontana Sturinaldo, ma poi che figura facciamo quando all’ingresso vedono un pilomat rotto e una transenna di traverso?».

E ancora: «E’ proprio dalle piccole cose che si vede e si capisce l’efficienza e la serietà di chi è chiamato ad amministrare. Quanti altri soldi pubblici dobbiamo ancora pagare per danni a quei cittadini che si scontrano con i pilomat che si alzano e si abbassano improvvisamente? La verità è che ormai i pilomat sono diventati la barzelletta di Fabriano».

Claudio Curti

Claudio Curti

 

Precedente Protestano i Borghigiani "MANCA LA SEGNALETICA" Successivo Ancora ATTI VANDALICI al BORGO