Pasqua tragica, pensionato straziato dalla motozappa nel campo

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 27 marzo 2016 - Il corpo straziato dalle lame della motozappa. Non ha potuto difendersi in nessuna maniera Edoardo Patrignani, classe 1935, pensionato, residente a Pesaro, Borgo Santa Maria, in via Monte Cimone. Uno che lavorava la terra e così ha fatto ieri pomeriggio, approfittando della bella giornata. Stava usando una motozappa, non è ancora chiaro se di sua proprietà oppure no, per dissodare un terreno a Roncosambaccio, nel territorio comunale di Fano, lungo la strada che prende il nome dal paese. Il terreno risulta di proprietà del figlio, e lì i Patrignani tenevano anche degli animali da cortile.

Sono le 16 circa di ieri, quando arriva la chiamata ai pompieri di Fano e subito dopo al 112, tanto che intervengono gli agenti del commissariato, sempre di Fano. A chiamare sono dei vicini, che stavano lavorando nei campi a qualche decina di metri lontano da dove lavorava Patrignani. Sentono infatti il motore della motozappa che procede su di giri, da circa un’ora, e non sanno spiegarsi il perché.

A quel punto qualcuno si avvicina per capire di più e vede evidenti i contorni della tragedia. L’uomo è incastrato sotto il mezzo, con ferite profonde alle gambe e alle braccia che non gli hanno lasciato scampo. Secondo una prima ricostruzione della dinamica, a un certo punto il mezzo, che appare un modello molto vecchio, ha proceduto a marcia indietro: forse l’uomo ha fatto una manovra finendo con il piede incastrato. Fatto sta che è rimasto travolto. Guardando la scena dell’incidente, si vede che sul terreno era già stata tagliata l’erba. Forse il mezzo non aveva la sicura per la retromarcia, e quando ha iniziato ad andare all’indietro non si è più fermato.

Sul posto il 118 e i pompieri di Fano. L’intervento dei secondi viene richiesto perchè è necessario estrarre l’uomo da sotto le lame della motozappa. Mentre il medico del 118 da parte sua non può fare altro che constatare il decesso del pensionato. Vicino al luogo della tragedia, a circa 500 metri in linea d’aria, c’è l’agriturismo il Giardino. Mentre attaccata a quel terreno c’è la casa dell’ex sindaco di Pesaro e senatore Giorgio Tornati. Il titolare dell’agriturismo, Giannino Vincenzi, è diventato il punto di riferimento per tutti quelli che dovevano arrivare sul luogo della tragedia, non proprio facile da raggiungere: «Abbiamo visto passare da qui i vigili del fuoco – racconta Vincenzi – e abbiamo capito che era successo qualcosa di grave».

La segnalazione dell’infortunio è stata fatta subito al magistrato di turno, prima che la salma potesse essere rimossa. Si procederà a ricostruire esattamente l’accaduto. Il mezzo che era stato usato potrebbe essere non regolamentare. Come ha detto ieri uno degli intervenuti, incidenti di questo genere purtroppo sono molto frequenti. Capita però più spesso che la gente rimanga schiacciata dal trattore che si ribalta.

ale.maz.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Pasqua,vigilanza rafforzata nelle Marche Successivo Frank McComb suonerà al Let’s Jam a Pasquetta