Per i venti anni del "Chorus Phoebi" concerto al teatro Feronia

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

San Severino, 11 dicembre 2015 – Musica che si suona, si canta, si danza. Musica che educa, include e salva. In occasione del ventesimo anniversario dalla nascita il “Chorus Phoebi” di San Severino propone un concerto celebrativo con la partecipazione straordinaria dell’orchestra “El Sistema” Macerata di cui fanno parte ben settanta piccoli cantori.

L’appuntamento, patrocinato dal Comune di San Severino, è per domenica, alle 17 al teatro Feronia, con ingresso libero. Era il 1995 quando, nella parrocchia di Taccoli guidata da don Fernando Porfiri, prendeva vita il “Chorus Phoebi”. Quei primi passi venivano mossi da un gruppo di ragazzine con la

passione per la musica che avevano deciso di creare un piccolo coro per animare le funzioni religiose domenicali.

Passione, tenacia, tanto impegno, e soprattutto una grande amicizia, hanno creato una bella realtà che è cresciuta insieme a queste ragazze, oggi giovani donne e mamme, che non hanno mai abbandonato la loro musica, anzi, negli anni hanno imparato a trasformarla, aggiungendo tanti tasselli, tante collaborazioni e tante sperimentazioni.

Ecco che dalla musica liturgica la formazione ha presto abbracciato il Gospel, la musica etnica e contemporanea, passando per la musica medioevale e rinascimentale, partecipando a tante rievocazioni storiche locali, rassegne e concerti corali e festival estivi. Al Feronia domenica sarà di scena la musica come mezzo di integrazione e crescita sociale nel segno del circuito nazionale del Sistema, ispirato al modello de “El Sistema” venezuelano del maestro José Antonio Abreu. Nato come strumento per tutelare i bambini venezuelani da un futuro di povertà e crimine, “El Sistema” è ormai un meccanismo consolidato che conta 400mila bambini. Oggi questa è una realtà a Macerata.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Musulmani in corteo per l'anniversario di Maometto: mobilitata la polizia Successivo Fabriano - Sagramola: «Uno spiraglio da Roma» «Il maxi risarcimento si può dilazionare»