Pergola, incendio divora un’azienda agricola

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pergola (Pesaro Urbino), 16 luglio 2015 – Potrebbe essere di origine dolosa l’incendio di vaste proporzioni che la notte scorsa ha completamente divorato un fienile di 210 metri quadrati, 2mila quintali di paglia e due mezzi (un trattore e una rotoballe) all’interno di un’azienda agricola di Pergola (FOTO), ubicata in località Canneto, lungo il tratto di Sp424 che dalla città dei Bronzi si snoda in direzione Cagli.

A dare l’allarme, intorno all’una, sono stati direttamente i proprietari dell’azienda, a conduzione familiare, intestata a Carla Fanelli, che risiedono a poche decine di metri dal fienile dove sono divampate le fiamme. Sul posto, in pochi minuti, i vigili del fuoco di Cagli e poi di Pesaro con tre mezzi antincendio, che nel pomeriggio odierno erano ancora al lavoro per mettere completamente in sicurezza l’area. Accanto ai pompieri sono intervenuti anche gli agenti del Corpo Forestale dello Stato e i carabinieri di Pergola.

Al momento non si hanno certezze assolute sulle cause del rogo, ma le forze dell’ordine dopo la prima ricostruzione dell’accaduto, non escludono affatto l’origine dolosa. Al riguardo, il sindaco pergolese Francesdo Baldelli dichiara: «Qualora si scoprisse che dietro a questo episodio c’è la mano dell’uomo, i responsabili dovranno essere puniti in maniera esemplare. Rivolgo un ringraziamento pubblico al Corpo Forestale, ai carabinieri e ai vigili del fuoco, per la loro tempestività e professionalità; ed esprimo solidarietà ai proprietari dell’azienda agricola che hanno subìto danni per oltre 80mila euro. L’incendio di oggi mette in luce anche la questione dei tagli delle risorse alle forze dell’ordine e ai vigili del fuoco; tagli che devono cessare. Il governo si faccia carico delle reali esigenze dei cittadini». 

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Progetto su Minori nelle Marche Successivo Pesaro, la Corte d'Assise sposa la tesi del Pm Ergastolo a Sabanov, 24 anni al complice