Piano spiaggia, Ricci: "Regole uguali per tutti sulla ristorazione"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 3 settembre 2015 – «Siamo la giunta delle opportunità». Dentro il Piano spiaggia, per Matteo Ricci, sono tre: «Due nuove attività per migliorare la qualità e i servizi nella spiaggia libera (a Baia Flaminia e Sottomonte, ndr). E la struttura per la spiaggia dei cani». Per il resto, sostiene, si è fatta un po’ di confusione («mischiata, talvolta, a qualche forma di ipocrisia») che il sindaco vuole dissipare.

«Si è detto che diamo 69 nuove licenze da ristorante. E’ una stupidaggine colossale». Così parte dai numeri: «Oggi ci sono 20 ristoranti e 41 bar gastronomici. Ma si mangia ovunque. C’è chi ha la cucina da ristorante, deve seguire normative da ristorante e cuoce la pasta nell’acqua. Gli altri, invece, non sono soggetti alle normative, scaldano la pasta al microonde ma servono pasti allo stesso modo dei ristoranti. Il consumatore, anche adesso, può mangiare in entrambi casi. Allora stop ipocrisie: tutti o nessuno. Perché 20 possono essere ristoranti e 41 no?». Insomma, davanti a un bivio, il Comune sceglie una direzione che il sindaco motiva con l’analisi: «Potevamo continuare ad autorizzare qualcuno, ogni anno, in ordine sparso. Vogliamo invece regole uguali per chiunque. Chi trasforma il bar gastronomico in ristorante, se vorrà farlo, adegua le le cucine, sta alle norme, paga gli oneri di urbanizzazione al Comune. Che verranno reinvestiti sul lungomare sul tratto lungo la spiaggia».

Sulle modalità: «L’attività sarà stagionale. Dobbiamo ragionare sugli orari? Lo faremo, non è un problema. L’obiettivo – va avanti il sindaco – è portare più persone». Prima ripete la formula («più locali ci sono, più gente c’è. E più si lavora»), poi semina domande: «In via Cavour si è creato il polo? Quanta persone ci vanno il giovedì sera? A Baia Flaminia i bar e le attività che ci sono si fanno competizione o attraggono più persone? Basta vivere tutto in termini di antagonismo».

Sulla gestione della ristorazione, Matteo Ricci si è fatto un’idea: «Deve essere prerogativa esclusiva dei bagnini? Personalmente non la metterei così: se si dà ad altri, ci saranno nuovi commercianti che nascono. Decideranno loro, poi, se l’affitto è troppo alto o meno. E’ vero che c’è un aumento di valore della spiaggia. Ma per trasformarla c’è comunque un costo, nel quadro d’incertezza a ridosso della Bolkestein».

Attività. Le novità sono una struttura sotto la villa di Pavarotti, a Baia Flaminia, e una all’altezza del secondo sottopasso, Sottomonte, perché «chi va in spiaggia libera ha il diritto di andare al bagno e di fare la doccia. Così oggi non è: si deve ‘elemosinare’ il servizio dai bagni vicini, sempre che avvenga senza problemi. La volontà? Una spiaggia libera di qualità, con servizi base». Bagni e docce saranno gestiti da privati. «In cambio del costo sostenuto – spiega Ricci – diamo la possibilità di svolgere un’attività di bar e ristorazione. Saranno centri a sostegno della spiaggia libera. La volontà, nei bandi, è responsabilizzare i gestori anche sul lato della pulizia. Ma ribadisco: tutta la spiaggia libera sarà mantenuta».

Infine la spiaggia dei cani. «Tutti la vogliono, ma nessuno vicino a casa sua. Noi lo facciamo per i pesaresi e per offrire un servizio turistico in più. Abbiamo scelto un luogo (nella spiaggia libera di Baia Flaminia, lato Foglia, ndr) che avrà anche qualche aspetto discutibile ma tiene dentro molti elementi positivi. E’ uno specchio d’acqua che non incide sulla balneabilità della zona. E’ fuori dalle scogliere. Non è in un’area prettamente turistica, ma neanche troppo lontano dagli alberghi. Un altro tratto di spiaggia libera la separerà dal resto degli stabilimenti. Bisognava decidere e l’ “abbiamo schiantata”. Ora stiamo valutando lo spostamento del luna park dalla Baia, portandolo tra i due porti o davanti all’ex Consorzio Agrario. Ne discuteremo con la Capitaneria. La ciclabile? Ci siamo impegnati, andremo avanti».

Passaggi. Nel calendario, l’adozione del Piano spiaggia è prevista a fine settembre. Poi la fase delle osservazioni, prima dell’approvazione definitiva entro novembre. «Se tutto andrà bene, a gennaio usciranno i bandi per le nuove attività. Lavoreremo per partire dal 2016».

Nel frattempo, l’assessore Antonello Delle Noci («la spiaggia diventa elemento distintivo e di qualità per l’accoglienza turistica»), annuncia l’allungamento della stagione fino al 30 settembre: «Ha aderito la totalità degli operatori balneari, c’è la volontà di tenere aperto. Faremo così il bis, dopo l’estate 2014». E rende noto l’incontro con il governatore Luca Ceriscioli, in agenda il prossimo 11 settembre, ad Ancona, sul nodo ripascimento.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Uscita Ovest, progetto a ministero 27/9 Successivo Barca a vela si ribalta, padre e figlio soccorsi dalla capitaneria