Piazza e piazzate

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli Piceno, 19 luglio 2015 - La musica a tutto volume sparata da un dj tarantolato. Due macchine parcheggiate davanti al palcoscenico montato. E anche il venditore di chincaglierie da concerto. Piazza del Popolo si presentava così, venerdì sera poco prima di mezzanotte, alla vigilia del musical di ieri, per il quale è stata chiusa. Poco più in là, all’ingresso di piazza Arringo, c’erano due tavolate di legno in stile sagra paesana.

Ora, va bene che le piazze sono di tutti e per tutti, ma qui sembra piuttosto che tutti possano farne ciò che vogliono. E alla fine regna la deregulation proprio nei luoghi simbolo della città, quelli per i quali i turisti scelgono Ascoli come meta, per poi ritrovarli – in certe occasioni – sciatti e riempiti di tutto. Servono regole precise: su questo crediamo che ci siano pochi dubbi. Chi ha un locale in contesti del genere è come un attore in un film da Oscar: deve essere all’altezza.

Ed è necessario insistere sull’uso degli altri spazi del centro, ora che la pavimentazione sta allargando il perimetro della bellezza cittadina. Il Comune lo sta giustamente facendo, visto che «L’Altra Italia» avrà come cornice soprattutto piazza Ventidio Basso, che ha bisogno di essere vissuta. Piazza del Popolo, invece, ha solo bisogno di essere lasciata tranquilla. Con buona pace del dj tarantolato.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Tempismo perfetto Successivo Un Festival da difendere