Picchiano il compagno che non li fa copiare

Carabinieri1122014

“Se non mi fai copiare, sono guai”. “Non hai suggerito all’interrogazione e te la faccio pagare”. “Stavolta finisce male”.
E l’altra mattina i continui ‘avvertimenti’ del compagno bullo si sono trasformati in un atto deprecabile e vigliacco. Protagonisti di questa brutta vicenda, cinque ragazzi: quattro hanno dai 12 ai 14 anni, sono stranieri e residenti a Jesi, frequentano l’Istituto Comprensivo Federico II, la scuola più multietnica della città.

Erano le 13,45 di mercoledì e la vittima (che chiameremo con un nome di fantasia, Francesco) stava andando a casa a piedi insieme a un compagno. Erano arrivati al Campo Boario quando sono stati accerchiati da tre alunni della loro stessa classe. E da un ragazzo più grande, studente delle superiori e anch’egli minorenne. Il fratello di un compagno, che ha strattonato Francesco e gli ha sferrato due schiaffi.

Il loro modo vigliacco per regolare i conti di un anno di compiti non passati, di suggerimenti mancati alle interrogazioni, di aiuti non elargiti e vecchi dissapori tra i banchi. Gli altri ragazzini hanno assistito immobili alla violenza, senza partecipare ma neanche intervenire. Poi l’aggressore e il fratello si sono dileguati, mentre Francesco, soccorso dalla madre e dall’amichetto è tornato a scuola.

Dell’accaduto sono stati informati i Carabinieri della Stazione di Jesi che hanno raccolto la denuncia dalla madre di Francesco e i dirigenti scolastici che hanno annunciato provvedimenti.

FONTE IL CORRIERE ADRIATICO JESI

Precedente Piediripa, i venerdì di preghiera: «Conta solo l’integrazione» Successivo Torna Adriana Hula: bikini mozzafiato