Picchiava e trattava il figlio come uno schiavo

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Chiaravalle (Ancona), 8 ottobre 2014 – Botte e violenza psicologica sul figlio primogenito: con l’accusa di maltrattamenti sul figlio minorenne è finito a processo S. B., 40enne residente a Chiaravalle, già a processo per i maltrattamenti alla moglie.

Ieri il giudice Paola Zagoreo ha deciso di rinviarlo a giudizio anche per le sue prevaricazioni verso il figlio, oggi 17enne. Stando all’accusa il ragazzino, fin da piccolissimo, sarebbe stato trattato come uno schiavo, costretto a cucinare per il padre e i fratelli quando era ancora bambino, picchiato in caso di disubbidienza.

Il 40enne avrebbe infatti incolpato il primogenito per essersi dovuto sposare ancora giovanissimo. L’uomo, che si sta separando dalla moglie, è già decaduto dalla potestà genitoriale dei suoi 3 figli. Il primogenito, tramite la madre, si è costituito parte civile attraverso l’avvocato Laura Seracchini. Il processo si aprirà l’11 giugno 2015.



 

Precedente Furti a raffica in tutta la Riviera Successivo Il mistero delle scatole gialle a Marotta Regali e messaggi anonimi in città