Pioggia di insulti sul telefonino. Ragazzina nel mirino dei cyberbulli

Carabinieri2

Una ragazzina finisce nel mirino dei cyberbulli, che la tormentano sul telefonino. Tutto ha avuto inizio con una foto pubblicata in una chat di gruppo su WhatsApp. A quello scatto, che la ritraeva in un momento di quotidianità, sono presto seguiti commenti sferzanti. Un’escalation di insulti, angherie e prepotenze virtuali, che col passare dei giorni ha trasformato uno strumento di comunicazione nel peggiore degli incubi per una alunna delle scuole medie, finita nel mirino di alcuni compagni di classe. L’episodio ha nel tempo assunto proporzioni tali da richiedere l’intervento dei carabinieri. Dopo aver ascoltato il racconto della ragazzina e ricostruito lo scambio di messaggi, i militari hanno convocato anche gli altri minori coinvolti. I protagonisti hanno un’età inferiore ai 14 anni, per legge non sono imputabili, non risultano quindi denunce o altre azioni legali in corso. Dopo il colloquio con le forze dell’ordine, il gruppetto di cyberbulli sembra però aver preso lo stesso coscienza dei limiti che separano uno scherzo innocente da veri e propri atti persecutori, anche se perpetrati non fisicamente ma con l’ausilio di nuove tecnologie, come internet e i cellulari di ultima generazione.

FONTE IL CORRIERE ADRIATICO CSTELFIDARDO

Precedente Anziano travolto da un’auto, è grave Successivo Cade dal tetto che stava riparando: morto in ospedale