Pistola puntata, titolare chiuso nel box: rapina in un distributore di metano

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

San Lorenzo in Campo (Pesaro Urbino), 23 agosto 2015 - Rapina ieri sera intorno alle 19.45 alla stazione di servizio del metano di San Lorenzo in Campo.

Un motociclista, col casco integrale, si è presentato al distributore a piedi ed ha estratto una pistola. Il benzinaio, un 45enne del posto, è stato costretto ad entrare nel box e a rimanere immobile sotto la minaccia dell’arma mentre il malvivente ha fatto razzia dell’incasso, circa 3500 euro. Poi per garantirsi la fuga, il rapinatore ha chiuso il benzinaio nel box di servizio intimandogli di non chiedere aiuto.

L’uomo è stato «liberato» poco dopo da alcuni automobilisti che hanno sentito le urla. Il malvivente nel frattempo si era dileguato in sella ad una moto che aveva nascosto alla vista del benzinaio per evitare di mostrare la targa. Non ci sarebbero testimoni dell’assalto. Scattato l’allarme, sono arrivati sul posto i carabinieri della locale stazione oltre che militari della compagnia di Fano.

Pochi gli elementi per riuscire ad identificare il malvivente. Apparentemente aveva un accento senza inflessioni particolari ma sopratutto sapeva muoversi con determinazione per riuscire ad ottenere il maggior risultato. Infatti non ha esitato a chiudere il benzinaio dentro il suo box per eliminare qualunque tipo di problema che poteva arrivare dal gestore della pompa di metano. Il quale, ai primi ad arrivare dopo l’assalto, è apparso sotto choc e ancora incredulo di quanto gli era accaduto.

Non ci sono precedenti in zona di rapine ai danni di benzinai tenuto conto che il bottino dei distributori non può essere certo appetibile. Ma in questo caso, il rapinatore ha pensato che quella stazione di metano potesse avere un bottino ingente ed ha aspettato il momento migliore per agire. Posti di blocco e ricerche sono stati estesi a tutta la provincia.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente La politica delle sbornie Successivo Porto San Giorgio, turisti in crescita Ma gli stranieri vogliono di più