Porto Sant’Elpidio, litiga con la madre e scompare a sedici anni

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Porto Sant’Elpidio (Fermo), 4 novembre 2015 – Ancora nessuna traccia della ragazza di 16 anni scomparsa da casa l’altro ieri mattina. Ieri in prefettura c’è stato un summit tra forze dell’ordine, vigili del fuoco e Protezione Civile, per far scattare il Piano persone scomparse, anche se delle indagini sulla misteriosa vicenda sono stati incaricati i carabinieri della Compagnia di Fermo. «L’unica cosa che possiamo dire – spiega il capitano Roland Peluso – è che la studentessa non ha lasciato alcun messaggio e tantomeno ha manifestato proposito suicida. Sotto questo punto di vista siamo tranquilli. La ragazzina aveva avuto un diverbio con la mamma quindi crediamo si tratti di una fuga volontaria»

RESTA comunque l’angoscia dei familiari della 16enne elpidiense, di cui non si hanno più notizie da lunedì mattina. La studentessa, come ogni mattina, aveva lasciato la sua abitazione per raggiungere la scuola, ma all’istituto che frequenta non era mai arrivata. In classe avevano notato la sua assenza, ma non gli avevano dato peso. Quando i genitori della ragazza, però, non l’avevano vista rientrare a casa, avevano iniziato a preoccuparsi, così avevano provato a contattare le sue amiche, che avevano riferito di non averla vista a scuola. I familiari, sempre più nel panico, avevano iniziato a cercarla nei luoghi dai lei frequentati, alle fermate dell’autobus, ma della studentessa nessuna traccia. A quel punto il padre si era recato nella stazione dei carabinieri di Porto Sant’Elpidio ed aveva segnalato la scomparsa. Le generalità e la foto della 16enne erano state diramate alle forze di polizia ed erano scattate le ricerche in tutto il territorio. Purtroppo della 16enne nessuna traccia.

 

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle

Precedente Devid, morto trafitto dal guardrail Dopo il lavoro andava in Università Successivo Cinema Piceno, è ancora scontro: «Ferretti pagava cifre ridicole»