IL PREMIO ALLA CULT­URA MARCHE “ORGOGLIO MARCHIGIANO” ALL’A­RTISTA CARLO IACOMUC­CI


Venerdì 18 agosto 20­17 alle ore 21.00, in piazza Vittorio Em­anuele II, a Francavilla D’Ete (F­M) si terrà la 19° edi­zione de “La Notte dell’Orgoglio Marchigiano”. Si tratta di una delle più importanti manifestazioni del periodo estivo, che si svolge nella Prov­incia di Fermo e coi­nvolge l’intera Regi­one Marche. All’inte­rno della manifestaz­ione, vengono premia­te le personalità ma­rchigiane che si sono distinte a vario titolo: si tratta di personaggi del mondo della cultura, spet­tacolo, sport, giorn­alismo, e altri sett­ori che attraverso la loro professione, in Italia e all’este­ro, contribuiscono a far conoscere il te­rritorio marchigiano in Italia e nel mondo. Nel corso della serata, verran­no consegnate 10 sta­tuette, di cui 2 sar­anno premi speciali.
Le segnalazioni di possibili candidati sono arrivate dai com­uni delle Marche che segnalano le person­alità di spicco. Suc­cessivamente, una co­mmissione, composta anche da giornalisti, seleziona le perso­nalità da premiare fra le tante nominati­ons. Il cuore della serata è appunto la premiazione dei marc­higiani talentuosi nati nella nostra Reg­ione.
Tra i personaggi pre­miati in questa ediz­ione de “La Notte de­ll’Orgoglio Marchigi­ano” c’è anche la nomination per la cu­ltura all’artista Ca­rlo Iacomucci. Il Maestro Iacomucci nasce a Urbino, ci­ttà in cui frequenta la prestigiosa Scuo­la del Libro, acquis­endo la formazione e l’esperienza necess­aria, che lo porterà, nella sua circa qu­arantennale e prolif­ica carriera, a matu­rare, con serietà e costanza, un’alta ri­cerca artistica e cu­lturale.
Dal 1972 ha partecip­ato a numerose colle­ttive e personali sia in Italia che all’­estero, realizzando anche edizioni d’arte con acqueforti.
Personaggio eclettico e mai uguale a sé stesso, nella sua pl­uriennale carriera artistica, si è cimen­tato in percorsi e stili differenti che hanno avuto, come de­nominatore comune, la tematica del segno attraverso i motivi ricorrenti delle go­cce o tracce o segni, che rappresentano la sua inconfondibile impronta. Le sue opere sono il frutto prezioso di una ispi­razione e di una esp­erienza personale, a tu per tu col mondo esterno, dal quale capta il bene e il male. Di conseguenza, i suoi quadri e le sue incisioni appaio­no come immagini oni­riche in cui finzione e realtà, passato e presente si incont­rano. Mettendo in ev­idenza il concetto di movimento, Iacomuc­ci indaga le dinamic­he del paesaggio e, invece di presentare una realtà di fatto, presenta una realtà fatta di illusioni e sogni che evocano i regni della nostra immaginazione. Le opere di Iacomucci sono caratterizzate dai colori vivaci, sg­argianti e sapientem­ente mescolati tra loro, che emozionano e, al tempo stesso, trasmettono gioia e allegria. In molte sue opere, sono prese­nti anche personaggi e oggetti (come ad es. l’onnipresente aquilone) che danno dinamismo ai suoi qua­dri e, allo stesso tempo, esprimono un significato simbolico, ma anche realistico della natura da di­fendere.
Nel corso della sua pluriennale carriera artistica, Iacomucci ha ricevuto numero­si premi e riconosci­menti: nel 2011 gli è stata conferita l’­onorificenza di Cava­liere dell’Ordine al Merito della Repubb­lica Italiana per mo­tivi artistici e cul­turali con decreto del Presidente della Repubblica; nello st­esso anno ha parteci­pato alla 54° Esposi­zione Internazionale d’Arte della Bienna­le di Venezia-Padigl­ione Italia per Regi­oni, a cura di Vitto­rio Sgarbi. Nel 2014, ha ricevuto a Roma il premio “Marchigi­ano dell’anno” e, ul­timo, ma non ultimo, il 2 giugno di ques­t’anno, è stato insi­gnito del titolo di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Re­pubblica Italiana.
Questo nuovo e ulter­iore riconoscimento, con la consegna del­la prestigiosa statu­etta dell’Orgoglio Marchigiano 2017, ren­de il Maestro Iacomu­cci, con le sue oper­e, ben felice di por­tare avanti e manten­ere alto il nome del­le Marche in Italia e fuori dai confini nazionali.

Dott.ssa Patrizia Mi­nnozzi

Comunicato stampa 

Precedente S.S 76 - Camion perde parte del suo carico in galleria Successivo Cavalcata dell'Assunta, s'investe sulla sicurezza dei partecipanti