Presa coppia di borseggiatori in trasferta da Perugia

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 8 dicembre 2015 – In trasferta da Perugia per rubare. Due algerini, di 42 e 36 anni, sono stati arrestati sabato scorso dai carabinieri della stazione di Borgo Santa Maria. Venivano nei supermercati della nostra città per fare una sola cosa: rubare i portafogli dalle borse o dalle tasche della gente. Con una tecnica collaudata. Uno dei due si avvicina al carrello in cui – molto incautamente – una donna tiene agganciata la borsa con dentro il portafogli. La donna, in quel momento, magari è piegata in avanti per scegliere la frutta che presto metterà nel carrello. Il ladro vicino al suo carrello le fa una specie di taglia fuori e le copre così la visuale. L’altro, da dietro, le sfila il portafogli dalla borsa.

Era successo così anche sabato scorso, al mattino. Solo che questa volta all’Iper erano tutti allertati. Sia la sorveglianza che i carabinieri. Perche già nel giugno scorso il più anziano dei due era stato avvistato e collegato a dei furti avvenuti al Conad, Eurospin e allo stesso Iper. In passato, pare che l’uomo si accompagnasse con una donna. Poi ha cambiato ‘formazione’ e girava adesso con questo connazionale. Ma la tecnica era più o meno la stessa.

Quindi, quando sabato le telecamere segnalano la presenza dei due, sorveglianza e carabinieri si mettono in allerta. I due infatti sfilano il portafogli contenente 100 euro e altri effetti personali dalla borsa di una 42enne pesarese. Che neanche si accorge. Ma la sorveglianza sì: segue i due e intanto avverte i carabinieri che li attendono davanti alla Ford Focus parcheggiata nel piazzale dell’esercizio commerciale. A quel punto i due vengono bloccati e arrestati in flagranza. Il 42enne ha già due condanne e 4 denunce, è disoccupato residente a Perugia, il complice 36enne, incensurato, è residente a Città di Castello. I due vengono ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di furto aggravato. «In precedenti analoghi casi – hanno ricostruito i carabinieri – avvenuti sempre a Pesaro anche in altri esercizi commerciali, i furti si concludevano con l’utilizzo fraudolento delle carte di credito o del bancomat». Gli arresti, sono stati convalidati ieri mattina dal giudice monocratico. Che ha disposto nei confronti del 42enne il divieto di ritorno nel Comune di Pesaro, in attesa del processo che si svolgerà il 15 dicembre prossimo. Il giudice ha aderito alla richiesta del pm, che non ha potuto chiedere per il 42enne misure cautelari in carcere, in previsione del fatto che l’algerino per questa vicenda in carcere non ci andrà mai, visto che la pena non supererà sicuramente i 3 anni.

L’intera refurtiva è stata comunque recuperata e restituita immediatamente al legittimo proprietario, la donna. Sono in corso indagini per acquisire ulteriori elementi di prova a carico del 42enne, in altri tre analoghi borseggi.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Grottammare, un ex ristoratore di 36 anni trovato sgozzato dentro casa Successivo Amandola, a l'Aquila per un malore "Marche Sud, serve un'eliambulanza"