Presa la banda dei record: 11 moldavi e 100 furti

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Jesi (Ancona), 5 novembre 2015 – Furto nelle aziende e nei cantieri edili, presa la banda di moldavi due dei quali domiciliati a Jesi, gli altri nel Pesarese. In quattro sono stati sottoposti a misure cautelari, in particolare l’obbligo di dimora.

Circa un centinaio i furti messi a segno tra marzo e ottobre, secondo le indagini del Nucleo operativo radiomobile di Jesi, diretto dal tenente Maurizio Dino-Guida: una ventina in Vallesina, il resto tra Pesaro e Fano. Sequestrate due betoniere per la lavorazione del cemento e ogni tipo di arnesi e macchinari, tra cui tagliaerbe decespugliatori, e migliaia di litri di gasolio.

Per un valore di oltre settantamila euro e un danno non quantificabile con l’esattezza per decine di aziende. La maggior parte della refurtiva destinata alla Moldavia, specie quella più ingombrante, era custodita in un capannone abbandonato nel Fanese. Agli undici incensurati di età compresa tra 25 e 40 anni, i militari di Jesi sono arrivati proprio pedinando i due domiciliati a Jesi e dai furti messi a segno in Vallesina.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle

Precedente Fabriano - Lavori in via Ramelli, la rabbia dei commercianti Successivo Un pezzo di '900 se ne va: è morto Antonio Glauco Casanova