Primo maggio a Perugia «simbolo del disastro italiano»


Cgil, Cisl e Uil per la festa dei lavoratori scelgono il capoluogo umbro anche in ricordo delle due impiegate uccise

PERUGIA – Primo maggio a Perugia per Cgil, Cisl e Uil. Lo hanno deciso i segretari generali, Susanna Camusso, Raffaele Bonanni, Luigi Angeletti.  La città è stata scelta per la manifestazione sindacale (ma il tradizionale concertone resta a Roma, in piazza San Giovanni) perchè teatro del dramma del lavoro giusto un mese fa, quando Margherita Peccati e Daniela Crispolti, impiegate della Regione, sono state uccise dall’imprenditore Andrea Zampi, che poi si è suicidato.

«Perugia – ha spiegato Bonanni – è una realtà industriale disastrata, la disoccupazione è alta. È una città simbolo del disastro italiano e della disperazione del lavoro». A Perugia, ha sottolineato Camusso, «c’è stato l’efferato omicidio di due lavoratrici», una vicenda che richiama la necessità di restituire centralità al lavoro. L’omicidio di Perugia, secondo Angeletti, è «il segno di un clima sociale così degradato di cui non ci sono esempio nella storia repubblicana e c’è il rischio che la generazione colpisca vittime incolpevoli». Un quadro duro ma che, per il ricordo di Margherita e Daniela, trova il plauso della presidente Catiuscia Marini. «In quei tragici momenti – ha detto la governatrice – al di là dell’emozione e dello sgomento per quanto successo evidenziammo subito che Daniela e Margherita sono state vittime innocenti, uccise sul loro posto di lavoro dove svolgevano la loro funzione con particolare dedizione e rigore. La decisione dei sindacati di svolgere a Perugia la manifestazione mette al centro giustamente proprio l’esigenza di restituire centralità al lavoro e difendere la dignità dei dipendenti del pubblico impiego, il cui operato è troppo spesso oggetto di critiche ingiuste».

Cellulari Usati
SCATOLE CARTONE IN PRONTA CONSEGNA!!! www.semprepronte.it

Precedente Marche: 200 etichette a Vinitaly Successivo Truffano l'Inps per 200mila euro, denunciati 25 immigrati