Purché se ne parli

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 28 febbraio 2016 – Presto capiremo se l’entrata a gamba tesa della Procura nell’affaire Carbon avrà avuto effetti positivi oppure no. E l’unico effetto positivo possibile è quello di dare un’accelerata alle operazioni di smantellamento dell’amianto e poi alla bonifica complessiva. Se i magistrati riuscissero a dare lo sprint a chi – cioè i vari enti coinvolti – per anni è stato dormiente, meriterebbero un monumento.

La maxi ispezione di giovedì è sembrata un’operazione da film, scenografica come nessuno si sarebbe aspettato. Soprattutto perché a ordinarla è stato il sostituto procuratore Umberto Monti, uno che preferisce il laborioso silenzio al clamore mediatico. Il caso l’ha preso in mano lui di recente e ha dato subito la sveglia a tutti. E ora, finalmente, l’amianto è tornato un argomento di cui tutti parlano, magari per difendersi dalle accuse (Gaspari, il presidente di Restart) o per accusare (l’opposizione politica e le associazioni ambientaliste). Nel bene e nel male, purché se ne parli. E purché si faccia in fretta.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente La valanga Offagna Successivo «I rifiuti distruggeranno il vino cotto»