Quarantaquattro fringuelli uccisi grazie al richiamo acustico: denunciato

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Palmiano (Ascoli Piceno), 21 ottobre 2014 – Brillante operazione antibracconaggio della polizia provinciale domenica scorsa in contrada Castel San Pietro nel territorio del Comune di Palmiano, dove gli agenti sono prontamente intervenuti dopo la segnalazione dell’utilizzo di richiami acustici vietati per la caccia al fringuello, specie protetta.

La pattuglia, che si trovava in perlustrazione alle pendici del monte Ascensione per un servizio mirato al controllo della caccia al cinghiale, ha raggiunto in breve tempo il luogo interessato e sorpreso un bracconiere intento alla caccia con mezzi proibiti.

L’uomo, che si è dato alla fuga nella folta vegetazione, è stato successivamente identificato e denunciato. Nelle pertinenze del capanno utilizzato dal bracconiere sono stati rinvenuti e sequestrati dalla polizia provinciale un richiamo elettronico sintonizzato sul canto del fringuello, un apparecchio ricetrasmittente e oltre 44 volatili uccisi e probabilmente destinati a qualche ristoratore.



Precedente Imprenditore suicida in cella L'ultima lettera alla madre Successivo Ladro fa cadere una ciclista con il figlioletto sul seggiolino