Quattro colpi di machete contro il figlio: padre condannato a 6 mesi

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Civitanova Marche (Macerata), 13 ottobre 2014 – Quattro colpi di machete contro il figlio. Per questo ieri è stato condannato a sei mesi di reclusione un civitanovese, Nicola Scalese, 60 anni. I fatti erano successi il 27 agosto 2011.

Tornando a casa, era nato un litigio tra il figlio Giorgio e la madre, e così il padre era intervenuto afferrando un coltello e colpendo il ragazzo. Il figlio si era ritrovato una frattura esposta al gomito e una ferita all’avambraccio, con una prognosi di un mese. Ieri in tribunale a Macerata si è chiuso il processo.

Il Pm (avvocato Lorenzo Pacini) ha chiesto la condanna a otto mesi di reclusione. La condanna ha chiesto anche l’avvocato Simone Santoro, parte civile per il figlio dell’imputato. L’avvocato difensore Maria Cristina Tasselli ha invece sostenuto che si era trattato di legittima difesa, perché era stato il figlio ad aggredire i genitori. Alla fine il giudice Vittoria Lupi ha condannato il civitanovese a sei mesi di reclusione, con la sospensione condizionale della pena; Scalese dovrà anche pagare le spese legali e risarcire il figlio con tremila euro. Ma l’avvocato Tasselli annuncia da subito l’appello contro la condanna.



 

Precedente "Ha intascato il denaro degli investimenti". A processo direttore di banca Successivo Pullman di studenti ​contro un'auto Ferita la giovane al volante della Panda