Quintana, Crotali: «Poco spettacolo ora è una gara a eliminazione»

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli, 13 luglio 2015 – «Sono un po’ deluso di come sono andate le cose». Parole di Emanuele Capriotti, il cavaliere di Porta Romana, che si è dovuto ritirare dopo la seconda tornata per una botta al polso. «Alla vigilia della giostra – prosegue – le premesse erano buone. Avevamo un cavallo debuttante che nelle sessioni di prova ci aveva dato dei buoni riscontri su quel tipo di pista provata. Sabato sera, invece, il terreno era diverso rispetto alle prove. Pensavamo di essere più competitivi. Genoria ha dovuto pagare un po’ lo scotto dell’esordio. Era molto contratta già nel riscaldamento. Nella seconda tornata galoppava in maniera molto più fluida, ma poi la gara non è andata per il verso giusto».

L’altro deluso è Guido Crotali di Porta Maggiore, che ha dovuto alzare bandiera bianca all’ultima tornata. «Ho qualche dolore al polso e al mignolo della mano destra – dice –. Dopo la prima tornata abbiamo avuto qualche problemino con Maracuja, il cavallo che poi siamo stati costretti a sostituire per disputare le altre tornate. Avevamo deciso di fare una Quintana puntando sulla precisione, ma siamo stati molto sfortunati. Padania Felix è un cavallo ancora molto giovane per correre, ma volevo cercare di concludere la nostra giostra. Purtroppo alla fine non ci sono riuscito. La pista della gara era assolutamente diversa rispetto a quella delle prove, che anche se era un po’ più lenta garantiva la sicurezza. Con quegli standard tutti i sestieri potevano essere competitivi e giocarsela».

«Mi dispiace per il pubblico – aggiunge il cavaliere neroverde – che ancora una volta non ha assistito ad un grande spettacolo. Soltanto tre sestieri sono riusciti ad arrivare fino alla fine. La Quintana di Ascoli ormai si sta snaturando ogni anno che passa. Non è più la giostra che si correva negli anni passati. Attualmente è diventata una gara ad eliminazione». Grande delusione anche per Jacopo Rossi che ha dovuto abbandonare subito il terreno di gara con le lacrime agli occhi. «Fortunatamente l’infortunio non è grave – dichiara il cavaliere di Sant’Emidio –. Sono già tornato nelle stalle dei cavalli ieri mattina, poi ho fatto le valigie e sono tornato a San Gemini. Sono molto deluso per la gara, soprattutto per i ragazzi del sestiere. Ci credevamo un po’ tutti. Sinceramente non mi aspettavo una pista così, è stata una sorpresa. In prova avevamo trovato un altro terreno. Però sinceramente con i tempi più veloci la gara poteva essere anche più divertente. Adesso credo che difficilmente tornerò ad Ascoli».

 

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente IL METEO DI OGGI A FABRIANO E NELLE MARCHE -by il Borghigiano- Successivo L'Oroscopo di oggi gli astri del Borghigiano