Raccolta differenziata scadente: Multa da 60mila euro per il Comune

Si è rimasti ben distanti dal limite del 65% di media mensile di differenziazione dei rifiuti imposto dall’Unione Europea: si è raggiunto solo il 47%

Raccolta differenziata a Fabriano

Raccolta differenziata a Fabriano

Fabriano, 13 gennaio 2013 – LA RACCOLTA differenziata fa flop e arriva l’ecotassaMultato, infatti, il Comune per i dati negativi riferiti al 2012. L’ammenda è di 60 mila euro in quanto si è rimasti ben distanti dal limite del 65% di media mensile di differenziazione dei rifiuti imposto dall’Unione Europea.

“Avevamo accantonato una cifra simile dai corrispondere ai gestori del servizio, ma francamente speravamo che non servisse”, conferma il sindaco Giancarlo Sagramola. “Purtroppo un po’ tutto l’anno i riscontri sono stati negativi, nonostante una lieve rispesa negli ultimi mesi che non è bastata per evitare l’ecotassa. Il problema, insomma, esiste e stiamo cercando di analizzarlo con grande attenzione stante l’importante dell’argomento in questione”.
Una sanzione che innalza in Comune l’attenzione sul caso della differenziata e rende ancora più intensi i controlli diretti. Sono ben ottanta, tra quelli da 100 euro per le abitazioni singole e da 300 euro per i condomini, i verbali notificati in appena tre mesi dai due ispettori ambientali entrati in servizio per conto del Comune ed intenti a monitorare la raccolta differenziata. E’ dunque più che mai nel vivo la fase sanzionatoria dell’ente pubblico che in questo modo intende richiamare i cittadini al senso civico. Nel dettaglio i rilievi del 2012 elaborati dal consorzio Cir33 riferiscono che la media di differenziazione è del 47%, appunto largamente inferiore alla soglia minima richiesta dall’Ue e appena superiore al dato del 2011 quando si chiuse l’anno al 45,7.  Insomma, un dato che pone Fabriano in posizione non certo degna di un comune capofila tra le realtà dell’entroterra.
di Alessandro Di Marco

_____________________________________________________________________________________________

Libero-Subito

Precedente Centro storico NUOVO APPALTO per il Fiume Successivo La crisi economica manda in tilt i bagni pubblici