Raf canta a Monte Giberto per la Madonna delle Grazie

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Monte Giberto (Fermo), 3 settembre 2014 – Sei giorni in cui sacro e profano si mescolano in onore di Maria Santissima delle Grazie. Prenderà il via domani la festa che avrà tra i suoi punti di forza la tradizionale processione a cui parteciperanno migliaia di fedeli provenienti da tutta Italia. Sul fronte musicale, invece, grande attesa per il concerto di Raf, previsto per lunedì in piazza della Vittoria.

Per capire l’importanza di questa festa e le sue antiche radici bisogna andare indietro nel tempo per secoli, fino alle origini del santuario gibertense. I cristiani ebbero la possibilità di costruire all’aperto i loro edifici di culto dopo che nel 313 l’imperatore Costantino riconobbe la religione cristiana con l’editto di Milano. Poi nel 387 l’imperatore Teodosio, per non lasciare andare in totale rovina i templi e tempietti pagani, autorizzò il loro uso da parte dai cristiani. Allora le edicole accanto alle ville romane furono riusate e trasformate in chiesine. Così sorsero molte chiese rurali, che hanno lasciato il nome alle contrade. Nel territorio gibertense la chiesina di Santa Margherita e la chiesina di Santa Maria sono sorte nell’alto Medioevo. Ma quest’ultima, denominata poi delle Grazie, divenne famosa perché luogo di preghiere personali e pubbliche per pestilenze e calamità.

La confraternita di Santa Maria delle Grazie risulta menzionata nei più antichi atti del Comune di Monte Giberto, risalenti al 1550. Nonostante la sua fama sia inferiore alla più conosciuta Madonna di Loreto, alla Madonna di Monte Giberto sono attribuiti molti miracoli. Domani i festeggiamenti si apriranno alle 16.45 con il triduo di preparazione: il rosario, l’adorazione e la benedizione eucaristica, che saranno trasmessi in diretta da Radio Maria. Venerdì alle 21 sarà il giorno del pellegrinaggio a piedi e del concerto nel santuario del quintetto d’ottoni e organo di Gilberto Sandroni. Sabato alle 15 la 34ª edizione della marcialonga per bambini. Alle 22 concerto a ingresso libero di pizzica salentina con il gruppo ‘Sud folk’. Domenica, per tutta la giornata, si svolgerà la 13ª fiera di Maria Santissima Delle Grazie. Alle 22 ‘I Rogia’ in concerto a ingresso libero. Lunedì il clou dei festeggiamenti con l’arrivo del pellegrinaggio, la messa solenne e la processione per le vie del paese con la venerata immagine della Madonna delle Grazie e i tradizionali fuochi d’artificio nel sacrato del santuario. Alle 22 gran finale con Raf in concerto ad ingresso libero. Alle 24 l’estrazione della lotteria. Martedì alle 19 torna la tradizione con il bacio alla statua di Maria. Nei sei giorni saranno in funzione stand gastronomici.



Precedente Maceratese, ecco il nuovo bomber: preso D’Antoni Successivo Turismo, a giugno -3% arrivi ma agosto tiene