Raid dei ladri al bar Simonetta: rubati contanti e sigarette

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Montappone, 17 gennaio 2015 – I ladri irrompono in piazzale Gramsci, tentano di entrare in un negozio di alimentari ma uno scaffale nega loro l’accesso. Allora, si infilano nel bar e portano via tabacchi e contanti custoditi nel registratore di cassa. I due episodi risalgono alla notte fra mercoledì e giovedì, probabilmente intorno alle 3 del mattino, considerato che il bar aveva chiuso i battenti poco dopo l’una e trenta.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, i ladri avrebbero prima rivolto la loro attenzione al negozio di alimentari, dopo aver divelto la serranda, hanno forzato la porta, ma hanno commesso un errore. Infatti, il locale è composto di tre vetrate identiche, ma solo una ha funzione d’ingresso. Dietro la porta i ladri hanno trovato un pesante scaffale che non sono riusciti a spostare e quindi hanno rinunciato, spostando l’attenzione sul bar Simonetta, praticamente di fianco. I balordi, probabilmente con un piede di porco, sono riusciti a forzare la porta principale, poi una volta all’interno, muovendosi come se conoscessero il locale, si sono messi all’opera. Prima hanno preso il bidone dei rifiuti vuoto e hanno utilizzato il sacco nero per depositarci la merce rubata, si sono diretti dietro al bancone e hanno prelevato i tabacchi, ma solo i marchi commerciali di maggiore uso. Infine, si sono diretti al registratore di cassa e, dopo aver forzato il cassetto, si sono dovuti accontentare solo delle monete utilizzate per il resto poiché i proprietari per abitudine ogni sera portano via il contante. Improvvisamente, un sensore di movimento posto all’interno del locale ha fatto scattare l’allarme e i malviventi si sono dileguati. Fra e merce rubata e quelli materiali, si contano danni per circa 800 euro.

Alessio Carassai



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Sel lascia la maggioranza: Nella Brambatti al capolinea Successivo Politica, Nella Brambati e Fabiola Di Flavio al capolinea