Raid dei ladri in chiesa, danneggiati il reliquiario e la cappella della Madonna

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Cingoli, 12 ottobre 2015 – Irruzione sacrilega senza bottino. Almeno, stando ai primi accertamenti, sembra che niente abbiano rubato gli ignoti autori dell’incursione effettuata, durante la notte scorsa, nella chiesa parrocchiale della frazione Villa Moscosi di Cingoli. Il tempio, dedicato a San Nicola di Bari, durante la settimana resta aperto per alcune ore e in ogni domenica un sacerdote, don Oscar, vi celebra la messa che inizia alle 11,30. Pure ieri mattina il collaboratore parrocchiale Albino Tobaldi come di consueto verso le 11 si è premurato di effettuare i preparativi per il rito. Avvicinatosi al portone d’ingresso, ha constatato che era stato forzato: per scassinarlo i malviventi avrebbero usato un «piede di porco», quindi sono entrati e hanno iniziato l’incursione finalizzata ad appropriarsi del contenuto delle tre cassettine che, per ricevere le offerte dei fedeli, corredano i piani su cui sono poste le candele. In sacrestia hanno trovato le chiavi delle serrature, ma le cassette erano state svuotate la sera prima dal parroco. Forse ritenendo che preziosi potessero essere gli oggetti conservati in un reliquiario, hanno rotto le vetrate riscontrando che non valeva la pena sottrarli. E’ stata pure lesionata la cappellina dedicata alla Madonna: visibili sul pavimento le conseguenze dei danni. Don Oscar ha comunque officiato la messa, quindi i carabinieri di Cingoli hanno effettuato i rilievi.

Gianfilippo Centanni

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Jesi, i ladri portano via oro per 20mila euro Successivo Il Gabibbo in versione quintanara: la città si fa bella per le telecamere