Rainbow, inchiesta archiviata. Straffi: "Una bolla di sapone"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 26 agosto 2015 – «Una bolla di sapone come qui alla Rainbow abbiamo sempre pensato che fosse e anche chi aveva saputo leggere oltre il clamore della notizia».

Così il fondatore della società di Loreto, il ‘papà’ delle fatine Winx, Igino Straffi, commenta l’archiviazione del procedimento aperto a carico della Content company dopo le contestazioni della Guardia di finanza secondo cui la società aveva detratto fuori tempo massimo dalle tasse, fra il 2011 e il 2012, utili per circa 11 milioni di euro derivanti da proventi di film di animazione e ‘reinvestiti’ in altre pellicole.

«I nostri uffici – dice Straffi – hanno sempre operato nella massima correttezza e quindi l’archiviazione non poteva che essere l’unica conclusione di questa assurda vicenda. Sono soddisfatto quindi dell’operato puntuale e veloce della magistratura di Ancona, infatti sono passati appena dieci giorni dalla notizia dell’esistenza della denuncia e la verità ha già trionfato. Spiace invece che dopo oltre venti anni anni di duro e onesto lavoro abbia rischiato di passare come un evasore fiscale».

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Gli hacker svelano la mappa del tradimento Successivo Annega in mare, 59enne era cardiopatica