Rapine a mano armata, arrestati tre malviventi

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Ancona, 5 novembre 2014 – Raffica di rapine a mano armata in uffici postali e un colpo tentato in gioielleria, la Squadra Mobile della Questura ha individuato e arrestato i tre banditi che avrebbero seminato il panico ad Ancona e provincia. Si tratta di tre catanesi, due dei quali trapiantati in Vallesina, che si trovano ora in carcere su disposizione del gip.

Tra le rapine attribuite ai tre, armati di pistola e cutter, anche quella all’ufficio postale di via Coppi a Jesi (bottino di 3mila euro) del 29 maggio scorso e quella a Candia il 19 giugno che aveva fruttato un bottino di ben 28mila euro.

Ultima in ordine di tempo quella tentata ad una gioielleria di Torrette di Ancona del 4 ottobre scorso sventata dall’intervento di una pattuglia della Mobile e che si era conclusa con l’accompagnamento di alcune persone in Questura.

In quell’occasione gli investigatori, diretti da Giorgio Di Munno, avevano raccolto elementi a carico dei tre fermati. Si tratta di Ettore Virgata, di 46 anni, Giovanni Salvatore, di 54 anni, e di Roberto Arcidiacono, di 44 anni. Sono tutti originari di Catania, ma secondo gli investigatori i primi due, da anni residenti in provincia di Ancona, avrebbero fatto anche da basisti, mentre il terzo si sarebbe mosso dalla Sicilia solo per i colpi.

Le indagini, coordinate dalla Procura di Ancona, proseguono per individua

re altre persone eventualmente coinvolte nelle rapine.



 

Precedente Rapine nell'Anconetano, 3 in carcere Successivo Spacca,nostro tartufo più competitivo