Rebus ospedali, la carta nascosta di Ceriscioli: Muraglia pubblico, Fano col privato

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 13 novembre 2015 – Sarà la Regione Marche a decidere sul nuovo ospedale unico. A farlo sapere è lo stesso presidente della Regione Luca Ceriscioli al termine dell’incontro di ieri, ad Ancona, con i sindaci Matteo Ricci e Massimo Seri, che non sono riusciti mettersi d’accordo su dove costruire la nuova struttura ospedaliera. Due le opzioni sul tavolo del presidente: rispolverare Fosso Sejore, oppure scegliere Muraglia come sito dell’ospedale unico Marche Nord, riservando il Santa Croce per un polo privato di eccellenza (legato a Cotignola?) che andrebbe ad integrarsi con il pubblico. Due scommesse politiche e tecniche insieme, che saranno sottoposte ad un fuoco di fila di critiche e contestazioni.

Intanto c’è il divorzio della coppia Ricci-Seri: «Se io e Massimo fossimo riusciti a faresintesi – è il commento a caldo di Matteo Ricci – saremmo stati noi a decidere per le nostre città, così invece sarà Ceriscioli». E ancora: «Ieri mattina, Muraglia non l’ho nemmeno nominata e ho posto all’attenzione di Seri tre elementi: nuovo ospedale pubblico, riduzione della mobilità passiva attraverso un accordo con i privati, nuova organizzazione dell’Asur e nuova sede. Massimo Seri è un amministratore capace, ma su questo tema non è riuscito a fare sintesi politica».

Ma Seri non sembra preoccupato di aver delegato a Ceriscioli le scelte sull’ospedale unico e sulla sanità del territorio. «Il presidente della Regione – afferma – non è un monarca assoluta, né governa con un monocolore, non potrà prescindere dai territori e dalla loro rappresentanza regionale». Per concludere: «A rimetterci non possono essere sempre i soliti, nel caso specifico i cittadini di Fano». Al presidente della Regione non rimane che una riflessione: «A distanza di quattro mesi dal primo incontro non è stata raggiunta una sintesi. Non si può aspettare ulteriormente. Troppo lunga l’attesa per operatori sanitari e utenti ai quali in questi 5 anni si sono chiesti sacrifici in vista dell’accorpamento in un’unica struttura dell’attività che oggi è divisa in tre plessi distinti. È arrivato il momento di decidere e avviare il percorso per realizzare l’ospedale unico».

«Ha fatto bene Ceriscioli – sottolinea Ricci – visto che sono mesi che discutiamo, penso che troverà una soluzione equilibrata e realista. Inutile perdere altro tempo, la velocità di decisione non è indifferente. La scorsa legislatura abbiamo perso 5 anni». Seri insiste: «Quello di Ceriscioli sarà un lavoro autonomo ma di dialogo con i Comuni». Intanto Seri ha convocato la sua maggioranza per stabilire la data del consiglio comunale monografico al quale sarà invitato lo stesso Ceriscioli.

 

 

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle

Precedente Castiglione, verso soluzione per vongole Successivo Auto si ribalta, paura per una donna incastrata