Regione Marche, nuova legge elettorale: consiglieri ridotti da 42 a 30

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 17 febbraio 2015 – Consiglieri ridotti da 42 a 30, premio di maggioranza alla coalizione in base a soglie percentuali. Sono queste le maggiori novità introdotte dalla nuova legge elettorale approvata al Consiglio regionale della Marche con 27 voti favorevoli e due contrari (Elisabetta Foschi di Fi e Giancarlo D’Anna del gruppo misto).

La proposta di legge votata oggi adegua la normativa sulle procedure di elezione dell’Assemblea e del presidente della Giunta alla riforma statutaria del 2013. Cambia, dunque, il criterio di ripartizione dei seggi. Quattro gli scaglioni: 18 seggi se la coalizione vincente raggiunge o supera il 40% dei consensi, 17 se si è arrivati al 37% e non oltre il 40%; 16 se ci si è attestati su un risultato pari o superiore al 34% ed inferiore al 37%. Sotto il 34%, in base ad un emendamento di Paolo Eusebi (intergruppo Marche 2020) i seggi vengono assegnati in base a un criterio proporzionale.

Le elezioni si svolgeranno in una sola giornata, non è previsto il doppio turno e viene fissato il limite di due mandati consecutivi per il presidente della Giunta regionale. Confermata, come nel 2004, la non ammissione di coalizioni con meno del 5%, a meno che siano composte da almeno un gruppo di liste che ha ottenuto più del 3% del totale dei voti espressi a favore delle liste.

Altre proposte approvate in aula riguardano la diminuzione delle firme richieste per la presentazione delle liste (Brini e Marinelli) e il limite di candidarsi in una sola circoscrizione (Marangoni). L’Assemblea ha anche approvato un ordine del giorno per introdurre la doppia preferenza di genere nella prossima legislatura.  



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Fabriano - Elica tra i posti di lavoro migliori al mondo Successivo Neve in Regione per ospedale Cingoli