Riaprono le scuole, scattano i rincari: il biglietto del bus passa a 1,25 euro

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli Piceno, 8 settembre 2015 – Le scuole stanno per riaprire i battenti e con loro torneranno a viaggiare sulle strade cittadine migliaia di studenti, gran parte dei quali useranno i mezzi del trasporto pubblico per raggiungere le loro destinazioni. Viaggi più o meno lunghi, che saranno comunque più cari: il biglietto di corsa semplice passerà da 1,15 a 1,25 euro. Aumenti che sono stati anche oggetto di polemica tra Comune e Regione, con il sindaco Guido Castelli che aveva parlato di «stangata da Ancona», spiegando che «con l’aumento disposto da Ceriscioli, il trasporto pubblico ascolano e marchigiano nel breve volgere di due anni ha registrato aumenti di tariffe del 20% e riduzioni di contributo chilometrico da parte della regione per il 10%»; dall’altra parte, l’assessore regionale ai trasporti, Angelo Sciapichetti, a replicare che «la giunta regionale stabilisce il limite massimo degli eventuali aumenti per dare la possibilità agli enti locali e alle aziende di trasporto pubblico locale di rientrare nei parametri nazionali e mantenere gli equilibri di bilancio. Chi rientra in questi percorsi può lasciare invariate le tariffe o può valutare se recuperare fondi efficientando il sistema».

A prescindere da dove sia la ragione, il dato di fatto è che il Comune nella giunta di oggi metterà mano a questo provvedimento, prevedendo interventi per mitigare gli aumenti. «Una serie di proposte per riorganizzare l’offerta«, ha spiegato il sindaco. Quindi ci sarà la possibilità di non subire rincari nel caso in cui si andrà ad acquistare un carnet da dieci ticket: in questo caso, infatti, per l’utente non ci sarà nessun aumento, con il costo del singolo biglietto che resterà di 1,15 euro. L’eliminazione delle sei zone cittadine, unificate in un unico blocco, permetterà di girare in maggiore libertà. Altre ‘categorie protette’, le donne e gli anziani, che potranno godere di agevolazioni nei viaggi fuori dagli orari di punta (essenzialmente l’ingresso e l’uscita delle scuole).

Il biglietto di corsa semplice diventerà orario, con validità sessanta minuti, e sarà introdotto il ticket di andata e ritorno, con la scelta che dovrà essere effettuata già al momento dell’acquisto. Infine, la grande novità dell’abbonamento famiglia, con sconti progressivi e crescenti per ogni componente di una medesima famiglia: il secondo componente godrà del 15% di sconto, il terzo del 30% e il quarto potrà viaggiare gratis.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Automobilisti indisciplinati, uno su tre col cellulare Successivo Ancona, lite per amore al Piano Volano cazzotti, paura in pieno giorno