«Ricatto sessuale su Facebook», l’allarme dell’ex-sportivo

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Pesaro, 3 ottobre 2014 – Un ex-sportivo molto conosciuto in città, che vanta migliaia di contatti sui social network, è caduto in una disavventura informatica. E adesso mette in guardia gli amici pesaresi: «Su Facebook — si legge nel messaggio postato nel suo profilo — c’è una certa organizzazione con ragazze che chiede l’amicizia, poi ti scrive e ricatta mettendo video, chiedendo soldi per non pubblicare. A me è successo. Chiedono duemila euro per non metterti alla berlina. Attenti, una si chiama (…)».

Dietro al nome esotico non c’è una bella ragazza, ma ci sarebbe una banda di malviventi alla cui identificazione sta lavorando la Polizia postale. Un gruppo che secondo le prime risultanze di indagine avrebbe il proprio quartier generale in Sud Africa e che si dedica a vere e proprie estorsioni. Ricatti, appunto. «La Polizia sta indagando e c’è già una marea di denunce» conferma il denunciante. Il raggiro sarebbe stato architettato partendo dall’innocente richiesta di amicizia, che è stata il primo passo verso quella che si è rivelata essere una vera e propria azione di stalking informatico, con minacce di diffondere immagini sconvenienti, frutto di fotomontaggi e trucchi, nel profilo del malcapitato di turno. Profilo che di solito viene replicato e trasformato in un virus che rischia di espandersi rapidamente con il meccanismo del passaparola.

L’incubo si concluderebbe solo con il pagamento di alcune migliaia di euro, che di solito finiscono in un circuito difficilmente tracciabile. Morale della favola: mai dare confidenza agli sconosciuti, specie se hanno nomi esotici e non sono collegati a quelli di altri amici.



 

Precedente Tabaccheria svaligiata, ma colpo "a vuoto" Successivo Eremo Valleremita riapre le porte