Riorganizzano? No, tagliano

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli Piceno, 29 giugno 2015 - Ci siamo quasi. Da mercoledì scatterà la rivoluzione dell’emergenza all’ospedale Mazzoni. I medici e gli infermieri del 118 dovranno dare supporto al Pronto soccorso, oltre a fare il loro mestiere, quello di salvare vite in giro per la provincia. Attenzione alla parola che è stata utilizzata dai vertici dell’Area vasta: riorganizzazione. La usano sempre (non solo loro) e c’è puntualmente la fregatura. In realtà si tratta di tagli, ridimensionamenti, riduzioni di servizi.

Perché ormai nella sanità è così: per fare una qualsiasi visita, ad esempio, bisogna aspettare mesi, ma se la fai a pagamento ti chiamano il giorno dopo. E il bello è che quella visita te la fanno nello stesso ospedale, con gli stessi macchinari e magari con lo stesso medico per i quali avresti dovuto appunto aspettare mesi. Va così da tempo, e probabilmente andrà peggio. Intanto vediamo come finirà la sbandierata rivoluzione. La questione di fondo è che per cercare di risolvere un problema (quello delle file chilometriche al Pronto soccorso), si rischia di crearne un altro, rendendo cioè meno efficiente il 118. Faremo i conti quando la sperimentazione sarà finita, ma il timore è che in questa fase si pagherà già un prezzo troppo alto.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Spaccio di eroina sotto il naso dei carabinieri, due arresti Successivo Ancona, auto a fuoco nella notte L'ipotesi di un avvertimento