Rissa tra bande: rapite due prostitute e pestato un giovane

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Pedaso, 28 agosto 2014 – Un regolamento di conti tra bande che gestiscono la prostituzione si è verificato a Pedaso, dove due giovani moldavi dediti allo sfruttamento della prostituzione hanno rapito due ragazze e pestato a sangue un loro connazionale. Il fatto è avvenuto intorno alle 3 di domenica mattina nel centro di abitato di Pedaso.

Qui sono arrivati in auto, provenienti da Pescara, due giovani moldavi, che nel capoluogo abruzzese avevano sequestrato un connazionale costringendolo a salire nella loro macchina. Dopo averlo minacciato e picchiato, lo hanno costretto a contattare telefonicamente un amico che avrebbe dovuto accompagnare le due prostitute a Pedaso dove i rapitori avrebbero sferrato l’agguato messo in atto con il tranello. Arrivati sul posto, il quarto moldavo e le due prostitute si sono trovate dinanzi i due aggressori che hanno rapito le due ragazze e, dopo aver lasciato a terra e tramortito il giovane che avevano precedentemente sequestrato, sono scappati con le due donne.

Allertati dai residenti, svegliati dagli schiamazzi e dalle urla delle ragazze, sono arrivati sul posto i carabinieri di Pedaso che in quel momento erano di pattuglia sul territorio. Mentre il giovane a terra non ha opposto resistenza, il suo compagno, alla vista delle forze dell’ordine ha tentato la fuga scappando a piedi. I militari sono riusciti a riacciuffare il giovane, preso in custodia per gli accertamenti di rito. Il ragazzo malmenato, invece, è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Fermo, dov’è stato sottoposto ai controlli del caso. Al termine delle procedure, entrambi i moldavi sono stati identificati e sul caso indagano i carabinieri del comando provinciale di Fermo insieme agli inquirenti della Procura di Pescara.

Nonostante resti da capire il motivo per cui le bande si siano date appuntamento a Pedaso, il fatto ricade sotto la giurisdizione pescarese in quanto legato al racket della prostituzione abruzzese. 



Precedente Soccorsi escursionisti sul Vettore Successivo Scuola, il futuro dei nostri precari: "Arrivano 168 insegnanti di ruolo"